La crisi di governo è arrivata anche ai social. A poco più di 48 ore dalla nota con cui Matteo Salvini ha detto basta all’esperienza gialloverde, il leader leghista ha perso su Facebook oltre 5mila follower. Diecimila, invece, i fan guadagnati dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha debuttato sulla piattaforma fondata da Mark Zuckerberg poco più di un anno fa. Stessa tendenza positiva anche per il leader del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, che ha visto la sua fanbase crescere di quasi 4mila persone.

Per il ministro dell’Interno si tratta della prima inversione di tendenza da un anno a oggi. Il titolare del Viminale, infatti, finora non aveva perso un colpo, continuando di mese in mese a guadagnare consensi e fan: 58mila solo quelli dello scorso luglio. Certo il tracollo non è significativo se si guardano i numeri della pagina che comunque ha 3 milioni e 700mila seguaci. Diverso il discorso per il premier. Contano sicuramente quei 10mila fan in più per una pagina che partiva da una base, a inizio settimana, di 916mila follower. E sicuramente non passa inosservato anche il tasso di gradimento dei post. Rimane primo il leader leghista con un 1,6 milioni di reazioni, ma cala rispetto al suo solito del 21%. In crescita invece il leader del Movimento 5 stelle, più “apprezzato” del 26%, con oltre 600mila likes.

Il motivo di questo calo di Salvini non è ancora certo. Secondo alcuni si tratta di sostenitori del Movimento, ormai “autorizzati” a togliere il like alla pagina. Secondo altri, invece, i fan persi sono i “bannati” dai moderatori della pagina, cioè chi in questi ultimi giorni ha contestato il leader leghista con un commento e per questo è stato cancellato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Per poter capire il successo di Salvini, bisogna prenderlo sul serio

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, Grasso all’opposizione: “Non facciamo il lavoro sporco di Salvini. Non partecipiamo al voto su mozione di sfiducia”

next