Le sei vittime rimaste ferite nell’incidente nella base militare di sottomarini atomici di Severodvinsk, dove l’8 agosto è scoppiato un incendio che ha provocato la morte di due specialisti, sono state portate a Mosca su due aerei e ricoverate presso il centro biofisico nazionale di Burnazyan con sintomi di esposizione alle radiazioni.

Lo riporta la testata digitale Baza, ripresa da molti media russi. Un video, diffuso dalla testata, mostra le autoambulanze attraversare la capitale russa con i portelloni sigillati da teli di plastica. Gli autisti indossavano le tute di protezione contro gli agenti chimici.

La testata ha poi pubblicato i nomi dei feriti, cinque funzionari del ministero della Difesa e uno sviluppatore: Igor Berezin, Sergey Plaksin, Alexey Perepelkin, Dmitry Abalin, Alexander Manusin e Sergey Grishin. Secondo diverse fonti della testata russa nel ministero della Difesa, tutti i vestiti dei feriti sono stati bruciati immediatamente dopo il ricovero.

Un funzionario del distretto amministrativo di Nenoksa ha dichiarato a Interfax che i livelli di radiazione nell’area dei test militari dove è avvenuto l’incidente “sono normali“: “È tutto tranquillo”, ha assicurato. Poco dopo l’incidente, una portavoce cittadina aveva dichiarato che era stato registrato un temporaneo aumento del livello di radiazioni rispetto alla base naturale. Stando ai dati della sezione regionale del ministero delle Emergenze russo, come denuncia Greenpeace, ieri è stato registrato un aumento di 20 volte del livello di radiazioni nell’area di Severodvinsk. Il gruppo attivista russo ha chiesto al Rospotrebnadzor, l’autorità russa per i consumatori, di valutare queste informazioni e determinare “quali radionuclidi sono stati dispersi nell’aria e se esiste una minaccia per la salute umana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hong Kong, la Cina contro i manifestanti: “Non giocate col fuoco”. E agli Usa: “Non interferite, non resteremo a guardare”

prev
Articolo Successivo

Usa, via anche la numero 2 della National Intelligence: così Trump ha azzerato i vertici

next