L’ultimo weekend di luglio ha visto andare in scena al Teatro Olimpico di Roma le finali della stagione estiva del Rainbow Six Siege PG Nationals e del PG Nationals Vigorsol di League of Legends, i due principali tornei italiani dedicati ai rispettivi titoli organizzati da PG Esports, che han visto emergere vittoriosi i Mkers su Rainbow Six Siege ed i Campus Party Sparks su League of Legends.

Per entrambe le giornate di competizione gli organizzatori hanno scelto di strutturare gli eventi in modo da unire la competizione vera e propria con l’intrattenimento, presentando in apertura degli show match che hanno visto protagonisti i principali influencer delle rispettive scene. PG Esports da parte sua non smentisce le attese, riuscendo a mostrare nuovamente la sua capacità di confezionare eventi di buon livello anche al di fuori di fiere di settore, grazie anche ad una location, quella del Teatro Olimpico, che ben si è prestata ad accogliere pubblico e giocatori: entrare in Italia in un teatro, solitamente dedicato ad un altro tipo di spettacolo, per assistere alle finali di una competizione videoludica fa ancora un effetto strano, ma se i risultati sono quelli visti potremmo ben farci l’abitudine.

Nelle prossime pagine un approfondimento sulle due giornate.

fonte foto in apertura: PG Esports

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google Foto ora mostra le anteprime dei video nella galleria

prev
Articolo Successivo

Galaxy Note 10 è il nuovo smartphone Samsung che si trasforma in un taccuino, c’è anche la versione 5G

next