La sabbia delle spiagge di Villasimius, in Sardegna, va letteralmente a ruba. Il bilancio dei furti o tentati furti di granelli di arenile, pietre e conchiglie nell’Area Marina protetta di Carbonara rischia di avvicinarsi alla tonnellata: tra maggio e giugno 180 chili, a luglio il record di 400, e ad agosto, solo nei primi giorni, 220. Totale: 800 chili solo negli ultimi quattro mesi. L’ultimo episodio risale a tre giorni fa: quattro bottigliette da mezzo litro piene di sabbia sequestrate a una coppia di veneti dalle guardie ambientali nella spiaggia di Porto Giunco.

“L’anno scorso – racconta Fabrizio Atzori, presidente dell’Area Marina protetta – siamo arrivati complessivamente a circa 500 chili. È un fenomeno in crescita ma, su questo fronte, noi siamo sul campo da alcuni anni”. Una linea morbida: molta attenzione e tanti controlli, ma senza punizioni o multe, anche se esiste una norma regionale che prevede una sanzione che varia da 500 a tremila euro per chi asporta sassi, sabbia o altro senza autorizzazione. “Preferiamo spiegare e convincere le persone – precisa Atzori – farle diventare nostre alleate affinché si sparga la voce. Una linea che sta portando buoni frutti: quest’estate due persone hanno restituito spontaneamente sabbia e conchiglie. Ma riceviamo diverse telefonate di turisti pentiti che si sentono in colpa. E ci chiedono di rendere quello che è stato portato via. Ci dicono: ‘non lo sapevamo’. E noi continuiamo a informare e a convincere”.

Una battaglia portata avanti anche con gesti simbolici: la scorsa estate, in occasione del ventennale dell’Area, erano stati i bambini, schierati sulla battigia, a restituire al mare ciò che era stato rubato. “L’abbiamo scritto anche in un post – ricorda il presidente Atzori – non abbiamo bisogno di grandi protocolli d’intesa, noi agiamo sul campo senza soste. E lo facciamo da tempo, anche quando il tema non era ‘di moda’. Facciamo lo stesso anche contro la plastica. Non da questa estate, ma dal 2012“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trivelle, dalla Regione Siciliana ok a permessi di ricerca nella terra di Montalbano

prev
Articolo Successivo

Puglia, Consiglio di Stato sospende decisione del Tar: spiagge e lidi tornano plastic free

next