Bebe Vio pensava di godersi una bella vacanza a Cuba ma lei e sui fratelli sono stati costretti a passare un bel po’ di tempo in ospedale. Il motivo? Dopo qualche giorno sul posto lei, Maria Sole e Nicolò hanno contratto un brutto virus influenzale. Da lì, la necessità di essere ricoverati in un ospedale de L’Havana: “Siamo stati male tutti e tre, una bella giornata in ospedale poi a casa abbiamo fatto circa 24 ore di sonno per quanto stavamo male. Sole sta ancora maluccio, io e Nico abbiamo guidato con la febbre fino a Trinidad ma va tutto molto bene”, ha raccontato Bebe, con la sua immancabile ironia, in una Instagram Story.

Ma le disavventure della campionessa del mondo non sono finite qui: una volta passato il virus influenzale, infatti, lei e suo fratello hanno pensato di fare una gita a cavallo a Trinidad e lì Nicolò ha preso una zecca. Esito? Di nuovo in ospedale: “Sono in ostaggio all’ospedale. Dopo l’escursione a cavallo di ieri Nicolò si è preso una zecca sulla schiena, quelle dei cavalli e il che è strano, ho tentato di toglierla io ma non l’ho tolta bene quindi siamo tornati in ospedale. Loro ora sono andati a cambiare i soldi perché non ne avevamo abbastanza per pagare la visita medica e io sono in ostaggio finché non tornano”, ha spiegato Bebe. Insomma, una vacanza non proprio rilassante ma con il proverbiale senso dell’umorismo della super campionessa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aggressione a ragazzo con maglia Cinema America, ira di Vaporidis: “Pezzi di merda”

prev
Articolo Successivo

Russi Taylor, morta la doppiatrice di Minnie: è stata la moglie del doppiatore di Topolino

next