Anche Matteo Di Pierro, ex collaboratore dell’imprenditore Daniele D’Alfonso e tra gli arrestati nell’indagine della Dda milanese su un sistema di corruzione e appalti pilotati in Lombardia, ritorna libero. A decidere di revocare la misura cautelare è stato il gip Raffaella Mascarino con il parere favorevole della Procura.

Finito in carcere lo scorso 7 maggio, assieme allo stesso imprenditore a ad altre 10 persone tra cui Gioacchino Caianiello, l’influente esponente di FI di Varese e ritenuto il ‘burattinaio’, Di Pierro, assistito dall’avvocato, Paolo Grasso, è il primo tra coloro che rispondono anche di associazione per delinquere a ritornare in libertà. 

Lo scorso 22 maggio, dopo tre interrogatori in cui ha chiarito la sua posizione e fornito elementi utili alle indagini, Di Pierro era stato posto ai domiciliari. Di recente ha anche concordato con i pm di proporre al gup un patteggiamento a due anni, pena sospesa. Oggi intanto il pubblico ministero Luigi Furno sta proseguendo gli ultimi interrogatori di alcuni indagati, soprattutto per alcune precisazioni prima della pausa estiva. Per una tranche di indagine la richiesta di immediato dovrebbe arrivare dopo l’estate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Armando Siri, l’Espresso: “San Marino indaga su due finanziamenti ottenuti senza garanzie”

next
Articolo Successivo

Emanuele Morganti, 3 condannati e un assolto per la morte del 20enne fuori da un locale ad Alatri: per i giudici non fu omicidio volontario

next