Un’Audi A6, l’auto di servizio del Comune, utilizzata per scopi non istituzionali. È l’accusa per cui il sindaco di Imperia ed ex ministro Claudio Scajola e il suo autista Gianfranco Vece sono stati indagati dalla procura  per peculato d’uso. Si parla di alcuni viaggi in Liguria e in Lombardia, anche da Imperia all’aeroporto di Genova, in concomitanza con le udienze del processo ‘Breakfast’ di Reggio Calabria in cui Scajola è imputato, in qualità di ex ministro. “Non ho nulla da dire – ha detto all’Ansa Scajola – in quanto credo che tutto si sia sempre svolto secondo le regole e il buon senso. Non capisco di cosa si parli, lo capiremo. Dalle parole del procuratore ho capito che c’è stato un esposto, valuteremo”.

Lunedì la Guardia di Finanza si è recata in Comune per una acquisizione di atti. L’inchiesta, coordinata dal procuratore di Imperia Alberto Lari, sarebbe partita da un esposto. “Confermo che c’è un’indagine per peculato d’uso – ha detto Lari – con acquisizione di documenti in Comune ma nessuna perquisizione. Ora verificheremo cosa c’è scritto in relazione a questi viaggi e, essendo l’indagine in una fase ancora preliminare, è doverosa l’informazione di garanzia”.

“Sono assolutamente fiducioso che verrà dichiarata l’infondatezza di questa segnalazione. Ho sempre avuto grande e manifesto rispetto per la Magistratura. Per quanto mi riguarda, dimostrerò tutto con assoluta tranquillità”, scrive il sindaco di Imperia. “Data la mia esperienza di vita – aggiunge – in così tanti ambiti, ho sincero rispetto per tutte le persone che lavorano. Anche per chi sta lavorando a questi accertamenti. Anche io sto lavorando. Tanto. Dando tutto me stesso, e sacrificando tutto il resto, per cercare di aiutare la nostra città. Fa male accorgersi che qualcuno ne dubiti, ancora”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Raffaele Cantone lascia l’Anac e torna in Cassazione: “Ciclo definitivamente concluso”

prev
Articolo Successivo

Evasione fiscale, arrestato gestore centri di accoglienza per migranti in Toscana

next