Un’Audi A6, l’auto di servizio del Comune, utilizzata per scopi non istituzionali. È l’accusa per cui il sindaco di Imperia ed ex ministro Claudio Scajola e il suo autista Gianfranco Vece sono stati indagati dalla procura  per peculato d’uso. Si parla di alcuni viaggi in Liguria e in Lombardia, anche da Imperia all’aeroporto di Genova, in concomitanza con le udienze del processo ‘Breakfast’ di Reggio Calabria in cui Scajola è imputato, in qualità di ex ministro. “Non ho nulla da dire – ha detto all’Ansa Scajola – in quanto credo che tutto si sia sempre svolto secondo le regole e il buon senso. Non capisco di cosa si parli, lo capiremo. Dalle parole del procuratore ho capito che c’è stato un esposto, valuteremo”.

Lunedì la Guardia di Finanza si è recata in Comune per una acquisizione di atti. L’inchiesta, coordinata dal procuratore di Imperia Alberto Lari, sarebbe partita da un esposto. “Confermo che c’è un’indagine per peculato d’uso – ha detto Lari – con acquisizione di documenti in Comune ma nessuna perquisizione. Ora verificheremo cosa c’è scritto in relazione a questi viaggi e, essendo l’indagine in una fase ancora preliminare, è doverosa l’informazione di garanzia”.

“Sono assolutamente fiducioso che verrà dichiarata l’infondatezza di questa segnalazione. Ho sempre avuto grande e manifesto rispetto per la Magistratura. Per quanto mi riguarda, dimostrerò tutto con assoluta tranquillità”, scrive il sindaco di Imperia. “Data la mia esperienza di vita – aggiunge – in così tanti ambiti, ho sincero rispetto per tutte le persone che lavorano. Anche per chi sta lavorando a questi accertamenti. Anche io sto lavorando. Tanto. Dando tutto me stesso, e sacrificando tutto il resto, per cercare di aiutare la nostra città. Fa male accorgersi che qualcuno ne dubiti, ancora”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raffaele Cantone lascia l’Anac e torna in Cassazione: “Ciclo definitivamente concluso”

next
Articolo Successivo

Evasione fiscale, arrestato gestore centri di accoglienza per migranti in Toscana

next