Donald Trump ha attaccato, di nuovo, a un comizio in North Carolina, la deputata democratica di origini somale Ilhan Omar: “Se non ama questo Paese, che se ne vada” ha dichiarato, dipingendola come una nemica degli Stati Uniti. “Ha alle spalle una storia di provocazioni antisemite”. I sostenitori, dalla platea, hanno iniziato a gridare send her back, send her back (rimandala indietro). L’invettiva è arrivata dopo che su Twitter il presidente se l’era presa con quattro deputate democratiche di origini straniere (oltre a Omar, Alexandra Ocasio-Cortez, Rashida Tlaib e Ayanna Pressley).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kyoto, incendio in uno studio di animazione: in un video l’enorme colonna di fumo vista dall’alto

prev
Articolo Successivo

Trump attacca la deputata nera: “Via dagli Usa”. Lei arriva a Minneapolis e viene accolta così

next