Donald Trump ha attaccato, di nuovo, a un comizio in North Carolina, la deputata democratica di origini somale Ilhan Omar: “Se non ama questo Paese, che se ne vada” ha dichiarato, dipingendola come una nemica degli Stati Uniti. “Ha alle spalle una storia di provocazioni antisemite”. I sostenitori, dalla platea, hanno iniziato a gridare send her back, send her back (rimandala indietro). L’invettiva è arrivata dopo che su Twitter il presidente se l’era presa con quattro deputate democratiche di origini straniere (oltre a Omar, Alexandra Ocasio-Cortez, Rashida Tlaib e Ayanna Pressley).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Kyoto, incendio in uno studio di animazione: in un video l’enorme colonna di fumo vista dall’alto

next
Articolo Successivo

Trump attacca la deputata nera: “Via dagli Usa”. Lei arriva a Minneapolis e viene accolta così

next