Massimo della pena. Ovvero una stangata da 5 miliardi di dollari si abbatte su Facebook per aver violato le norme sulla privacy nel caso Cambridge Analytica. La multa – secondo quanto riporta il Wall Street Journal – è stata decisa dalla Federal Trade Commission (Ftc), l’autorità del settore, ed è la più pesante mai comminata contro una società hi-tech. L’authority aveva cominciato ad indagare nel marzo 2018 quando fu scoperto che Cambridge Analytica era venuta in possesso dei dati di circa 87 milioni di utenti Facebook per scopi politici. 

Finora la multa più salata contro un’azienda hi-tech per violazione della privacy era quella inflitta a Google nel 2012, pari a circa 22,5 milioni di dollari. Facebook aveva già accantonato nei conti del primo trimestre dell’anno una cifra di 3 miliardi di dollari per far fronte alla prevista sanzione. La decisione di punire Mark Zuckerberg è stata presa a maggioranza dalla Ftc, con i repubblicani che hanno votato a favore e i democratici contro. La decisione passerà ora all’esame del Dipartimento di giustizia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa-Cina, sospetti di spionaggio: molti dipendenti Huawei hanno legami con l’intelligence o le forze armate di Pechino

prev
Articolo Successivo

Africa addio, cronache di disuguaglianze e resistenze nel Sahel

next