Fino a 5 miliardi di dollari di multa. È quanto rischia Facebook in seguito alle indagini della Federal Trade Commission (Ftc) sulla possibile violazione di un accordo del 2011 a garanzia della privacy degli utenti. Una stangata che è la conseguenza dello scandalo Cambridge Analytica che ha portato alla luce la violazione di 87 milioni di profili senza il consenso degli utenti.

Consapevole dei rischi, la compagnia ha già inserito a bilancio una perdita da 3 miliardi, in attesa di una sentenza definitiva che, in caso di colpevolezza, quantificherà l’esatto importo che dovrà essere sborsato da Menlo Park. La multa frenerà i ricavi dell’azienda che, comunque, hanno fatto registrare un aumento nel primo trimestre del 2019 del 26%, a 15,08 miliardi di dollari, battendo la stima media degli analisti di 14,98 miliardi di dollari. L’incremento dei ricavi è stato aiutato dalla crescita di Instagram e della spesa pubblicitaria delle aziende.

È sceso, però, il guadagno netto che è arrivato a 2,43 miliardi di dollari, con le azioni che hanno perso 85 centesimi da gennaio a marzo. Un “crollo” del 51% rispetto ai 4,99 miliardi di dollari (o 1,69 dollari per azione) di un anno fa. Causa di questo calo sarebbe proprio l’accantonamento per la possibile sanzione che tuttavia non sembra aver preoccupato gli investitori: negli scambi dopo la chiusura di Borsa il titolo ha guadagnato quasi il 5%, arrivando a 190,89 dollari.

A far scommettere sulla piattaforma è il suo buon andamento, al di là dei recenti scandali. Gli utenti attivi sono aumentati mensilmente dell’8%, a 2,38 miliardi, battendo le stime di 2,37 miliardi. Stessa percentuale di crescita per quelli giornalieri. Ciò significa che Facebook non smette di attrarre nuovi users e quindi restare una piattaforma appetibile anche per inserzionisti e azionisti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Governo inglese risponde alle domande dei cittadini con Alexa e Google Home

prev
Articolo Successivo

Scranos è il nuovo virus che ruba le password e “fa clic” su YouTube

next