Una nuova scossa di terremoto, di magnitudo 7.1, ha colpito il sud della California dopo quella di giovedì che aveva una intensità di 6.4. Il sisma è stato registrato a 17,6 km da Ridgecrest, nel deserto del Mojave, la stessa località colpita da quello di giovedì. I vigili del fuoco – ne sono stati mobilitati oltre millle – parlano di diversi feriti e incendi. Secondo la portavoce della Contea di Kern, Megan Person, circa duemila persone sono senza luce a Ridgecrest e nelle aree vicine, dove si registrano anche alcuni incendi. Danneggiate anche alcune strade. Si tratta del più forte terremoto registrato nello Stato negli ultimi 20 anni. Secondo l’Istituto geofisico americano (Usgs) è stato avvertito anche in Nevada e Messico.

“Tutta la roba costosa era al sicuro, ma il resto è uscito fuori dagli armadi, dal frigo, dai cassetti, è stato gettato dappertutto. Ora ho parecchio da fare”. È la testimonianza di Jeremiah Jones, uno dei residenti di Ridgecrest, sentito dal Los Angeles Times insieme ad altri abitanti della cittadina della California meridionale. Il sisma “ci ha buttato giù dal letto”, racconta un altro residente, Bill Sturgeon. La sua casa è stata distrutta nel terremoto di giovedì. “Tutte le nostre cose personali sono sparite, quindi – dice – dell’ultima scossa non mi interessa”. A Bakersfield, il capoluogo della contea, per la seconda volta in due giorni anche Edith Mata è stata costretta ad afferrare il figlio di un anno e a correre fuori per vedere la maggior parte dei suoi vicini per strada: “Tutti sono usciti dalle loro case”.

Nessun morto e nessun ferito grave invece a Los Angeles, fanno sapere i Vigili del fuoco. Mentre per quanto riguarda le infrastrutture “non hanno riscontrato nessun danno rilevante. I vigili del fuoco hanno quindi dichiarato conclusa l’emergenza e hanno ripreso le normali operazioni. “Vi chiediamo di considerare il terremoto di stanotte come un promemoria per essere preparati”, si legge ancora nel comunicato.

Numerosi i video pubblicati sui social network dagli abitanti della zona colpita. Particolarmente impressionanti le immagini delle piscine, con onde anomale e l’acqua che all’improvviso straborda

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mediterranea, sbarco dei migranti: stallo Italia-Malta. Il Viminale: “Ong provoca, vuole restare in acque internazionali”

next
Articolo Successivo

Il Brasile ‘politically correct’ di Bolsonaro: due tragedie, un unico contenitore

next