La maggior parte dei consumatori oggi scatta le foto con lo smartphone. Chi ama avere qualche stampa degli scatti più riusciti può farlo in casa, direttamente con un’app e con Sprocket Studio, una stampante fotografica di HP che stampa foto in formato 10 x 15 cm a 300 dpi direttamente dallo smartphone. Non serve “passare” le foto sul PC o andare dal fotografo, ed è una soluzione che per praticità può essere considerata alla pari di soluzioni integrate come le fotocamere a stampa istantanea che alcuni produttori cercano di spingere.

Si tratta di una stampante compatta, con finitura bianca in ceramica e vassoio rimovibile grigio chiaro che alloggia fino a 20 fogli di carta fotografica. Costa 149,90 euro e comunica con lo smartphone tramite l’app HP Sprocket e la connessione Bluetooth 5.0. Dall’app basta selezionare un’immagine e premere Stampa. Volendo si possono usare gli strumenti e i modelli presenti nell’app per realizzare collage, album fotografici e card fotografiche.

Si possono collegare in modalità wireless fino a tre smartphone a Sprocket Studio, la stampa avviene su carta fotografica lucida, richiede fino a 61 secondi per ciascuna immagine, e le foto sono ad asciugatura istantanea e resistenti ad acqua e strappi.

L’app è compatibile con Android 5.0 e successivi e con iOS. Quando si pensa di usare un prodotto di questo tipo è sempre bene fare i conti con il costo della carta fotografica e dell’inchiostro, oltre che della stampante. In questo caso un pacco di 80 fogli di carta fotografica originale HP Sprocket Studio e due cartucce sono venduti insieme a un prezzo di circa 30 euro.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Intelligenza Artificiale legge 3,3 milioni di documenti e diventa esperta dei nuovi materiali del futuro

prev
Articolo Successivo

Canon chiede finanziamenti online per produrre una fotocamera che ricorda la GoPro

next