La maggior parte dei consumatori oggi scatta le foto con lo smartphone. Chi ama avere qualche stampa degli scatti più riusciti può farlo in casa, direttamente con un’app e con Sprocket Studio, una stampante fotografica di HP che stampa foto in formato 10 x 15 cm a 300 dpi direttamente dallo smartphone. Non serve “passare” le foto sul PC o andare dal fotografo, ed è una soluzione che per praticità può essere considerata alla pari di soluzioni integrate come le fotocamere a stampa istantanea che alcuni produttori cercano di spingere.

Si tratta di una stampante compatta, con finitura bianca in ceramica e vassoio rimovibile grigio chiaro che alloggia fino a 20 fogli di carta fotografica. Costa 149,90 euro e comunica con lo smartphone tramite l’app HP Sprocket e la connessione Bluetooth 5.0. Dall’app basta selezionare un’immagine e premere Stampa. Volendo si possono usare gli strumenti e i modelli presenti nell’app per realizzare collage, album fotografici e card fotografiche.

Si possono collegare in modalità wireless fino a tre smartphone a Sprocket Studio, la stampa avviene su carta fotografica lucida, richiede fino a 61 secondi per ciascuna immagine, e le foto sono ad asciugatura istantanea e resistenti ad acqua e strappi.

L’app è compatibile con Android 5.0 e successivi e con iOS. Quando si pensa di usare un prodotto di questo tipo è sempre bene fare i conti con il costo della carta fotografica e dell’inchiostro, oltre che della stampante. In questo caso un pacco di 80 fogli di carta fotografica originale HP Sprocket Studio e due cartucce sono venduti insieme a un prezzo di circa 30 euro.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intelligenza Artificiale legge 3,3 milioni di documenti e diventa esperta dei nuovi materiali del futuro

next