Nel 2016, durante una protesta contro l’occupazione delle acque lagunari da parte delle imbarcazioni da crociera, sedici attivisti del comitato “No grandi navi” si erano tuffati nel canale veneziano della Giudecca per cercare di impedire, simbolicamente, il transito delle navi. Accusati di interruzione di pubblico servizio dalla Procura di Venezia, oggi gli attivisti, difesi dall’avvocato Giuseppe Romano di Treviso, sono stati assolti perché il fatto non sussiste.

“Il nostro comitato – afferma in una nota il movimento – se mai ce ne fosse stato bisogno ha dimostrato ancora una volta di essere dalla parte della ragione: lo era sette anni fa, nel 2012, quando ha organizzato la prima manifestazione acquea, lo era nel 2016, quando il processo contro 49 persone per le dimostrazioni del 2012 si è concluso con una completa assoluzione, e quando 16 persone hanno messo il proprio corpo a difesa dell’ambiente, e lo era anche meno di un mese fa, quando ha assistito all’incidente della MSC Opera e ha accompagnato oltre 10.000 persone fino a piazza S. Marco“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, la capitana Carola Rackete: “Salvini? Ho 60 persone di cui occuparmi. Si metta in fila”

prev
Articolo Successivo

Blackout a Roma nel quartiere Appio Latino. Acea: “Previsto”. Ma la corrente non torna e arrivano i camion-generatori

next