“Dai rapporti informativi della Guardia di Finanza è emerso che la Satel srl il cui rappresentate è Francesco Domenico Sannella ha utilizzato fatture per operazioni inesistenti. Il provento di questi reati potrebbe essere stato impegnato nella gestione del Foggia Calcio. Tale impiego è riconducibile al delitto di autoriciclaggio”. È questa l’ipotesi della procura di Foggia guidata da Ludovico Vaccaro e contenuta nei decreti di perquisizione e sequestro eseguiti giovedì dai finanzieri, nell’ambito dell’inchiesta sul presunto riciclaggio di soldi utilizzati nel Foggia Calcio. Un groviglio di società e rapporti ambigui.

L’indagine al momento conta nove indagati ipotizzando i reati di riciclaggio, violazione in materia di reati tributari e false comunicazioni sociali. Oltre ai due fratelli Franco e Fedele Sannella, i due ormai ex ‘patron’ del Foggia Calcio – retrocesso dalla B alla C – sono coinvolti nell’inchiesta anche Roberto Pierre Jean Dellisanti, amministratore delegato del Foggia Calcio, il presidente della squadra Lucio Adolfo Fares e l’imprenditore Andrea Angiuli. La Guardia di Finanza, guidata dal comandante provinciale Ernesto Bruno, è interessata ai rapporti intercorsi tra la Satel del gruppo Sannella e la General Street il cui legale rappresentante è l’imprenditore Angiuli di San Severo.

La Satel è risultata fornitore della Daunia Green Energy di cui era amministratore unico Raffaele Zammarano, costruttore foggiano destinatario di perquisizioni da parte dei finanzieri ma che non risulta indagato nell’inchiesta. La procura intende inoltre verificare i rapporti tra Francesco Sannella con un altro costruttore foggiano, Armando Russo, anche lui al centro di perquisizioni ma non indagato.

Testualmente, i magistrati vogliono “ricercare la natura effettiva dei rapporti emersi tra Raffaele Zammarano ed Andrea Angiuli, nonché tra Armando Russo e il Foggia Calcio”. E “ricercare – si legge nel decreto – qualsiasi collegamento tra la Satel srl, la Sannella Holding 2, la Esseci srl, Foggia Calcio con le seguenti società Eco Edil Pinto srl, Pintocoop Società Cooperativa, Daunia Green Energy srl, Pianeta Immobiliare srl, Stabile srl e Fin.Gest srl. Si tratta di soggetti giuridici coinvolti nella fatturazione per operazioni inesistenti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ue, Salvini: “Procedura d’infrazione sarebbe attacco politico basato su antipatia, non su numeri”

prev
Articolo Successivo

Andrés Escobar, 25 anni fa l’autogol che fece scoprire al mondo i legami tra il calcio colombiano e i cartelli della droga

next