Facebook ha pubblicato un aggiornamento dei termini di servizio, con cui mira a una maggiore trasparenza illustrando quattro novità che entreranno in vigore dal prossimo 31 luglio. Al primo punto una precisazione sulle fonti di guadagno: gli utenti non pagano il servizio e i prodotti dell’azienda perché il denaro proviene dalla vendita di annunci pubblicitari. Altro aspetto di interesse comune è quello relativo alla proprietà intellettuale: gli utenti del social network detengono i diritti sulle proprietà intellettuali di foto, video e di tutto quello che postano. Quello che si concede è il permesso di mostrarli, che termina nel momento in cui un contenuto viene cancellato. A proposito di cancellazione, Facebook promette poi di spiegare meglio quelle che accade quando si eliminano contenuti che violano i termini o le politiche del social.

Nella sostanza, il 31 luglio non ci saranno cambiamenti rispetto a quanto accade oggi, semplicemente si avranno (forse) migliori risposte alle domande di trasparenza. Ad esempio, sulla cancellazione dei contenuti da parte dell’utente il social ha anticipato che potrebbero essere necessari fino a 90 giorni dalla data di eliminazione perché siamo effettivamente rimossi dai sistemi.

Foto: Depositphotos

 

La spiegazione più interessante riguarda ovviamente il trattamento dei dati personali: “non vendiamo i vostri dati personali” scrive Facebook, aggiungendo che: “Consentiamo agli inserzionisti di dirci quali sono gli obiettivi del loro business e il tipo di pubblico che vogliono raggiungere con le proprie pubblicità, e ci incarichiamo quindi di mostrarle a chi potrebbe essere interessato”.

L'”operazione trasparenza” è quindi iniziata, anche grazie alla “spinta” dei legislatori della European Consumer Protection Cooperation Network, una divisione della Commissione europea, delle associazioni per la tutela dei consumatori, eccetera. Di per sé non è una garanzia che quanto verificatosi con Cambridge Analytica non accadrà mai più, e non c’è da aspettarsi che Zuckerberg e soci rivelino tutti i retroscena del loro business, al di là delle regole esplicitate. Ma è un tentativo di comunicazione che molti potrebbero apprezzare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Mercato dei videogiochi in crescita, aumenta l’impiego per la formazione e la didattica

next
Articolo Successivo

Volete che l’Internet degli Oggetti sia sicuro? Eliminate le password!

next