Facebook è in crisi. Anzi no, Facebook va bene. Interpretare i dati di Facebook è sempre più difficile, perché la galassia di Mark Zuckerberg va ben oltre il social network che dà il nome all’azienda. Questa volta l’indecisione parte da una indagine della società di ricerche di mercato Edison Research, secondo cui dal 2017 a oggi il social network avrebbe perso 15 milioni di utenti nella categoria 12-34 anni. Il dato di per sé potrebbe essere attendibile (salvo il fatto che non è ufficiale), ma volendo usare un paragone fotografico, è uno zoom che inquadra un dettaglio di un panorama molto più ampio.

Facebook infatti possiede anche WhatsApp, Messenger e Instagram. Per valutare l’andamento dell’azienda bisogna tenere conto di tutti i suoi “rami” e dunque non solo Facebook. Proprio Instagram ha raggiunto di recente il miliardo di utenti, e oltre 400 milioni di essi ogni mese usa le “Storie”. Se da una parte può essere vero che l’utenza nella fascia d’età indicata è in calo, può esserlo altrettanto che chi ha “chiuso” con Facebook possa essersi (virtualmente) trasferito su Instagram.

Foto: Depositphotos

 

Senza tenere conto del fatto che il numero di dodicenni fluttua di anno in anno a causa del normale invecchiamento della popolazione, quindi non è un dato costante di cui tenere conto nel tempo. Se da una parte, quindi, è vero che Facebook paga lo scotto di Cambridge Analytica e di altri scandali, dall’altro lato c’è il dato ufficiale secondo cui, alla fine del 2018, Facebook ha fatto segnare nel mondo un incremento del 9% degli utenti mensilmente attivi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La base d’utenza resta elevatissima, 2,32 miliardi di utenti nel mondo.

Come abbiamo visto la settimana scorsa, Mark Zuckerberg è ben consapevole dei cambiamenti in atto nel mercato dei social e dell’instant messaging, e si è attrezzato per dare maggiore importanza alla privacy, alla comunicazione privata o in piccoli gruppi e all’interoperabilità tra Messenger, Instagram e WhatsApp.

La sensazione è che Facebook stia lavorando per mettersi al riparo dalle evoluzioni di mercato e dai cambiamenti di gusti degli utenti. Più che una crisi pare una mossa astuta, per altre considerazioni è meglio attendere i dati ufficiali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cuffie gaming AmazonBasics, la proposta economica adatta per chi non ha troppe pretese

prev
Articolo Successivo

PlayStation Now: arriva oggi in Italia il “Netflix” dei videogiochi per la console di Sony

next