La nave Sea Watch ha tentato di entrare nel porto di Lampedusa, ma è stata bloccata dalle motovedette della Guardia di Finanza, che le hanno intimato di spegnare i motori. “Non si gioca con la vita delle persone, i 42 migranti hanno bisogno di sbarcare. Vedremo cosa succede, ci hanno promesso una soluzione rapida’, ha detto la comandante Carola Rackete. A bordo della nave sono saliti anche una delegazione di parlamentari, tra cui alcuni esponenti del Pd, insieme a Nicola Fratoianni e Riccardo Magi. E proprio il deputato di +Europa ha commmentato su Facebook le condizioni di vita a bordo dell’imbarcazione doopo due settimane di stallo in mezzo al mare: “Spazi angusti e persone allo stremo, sia sotto il profilo fisico che sotto quello psicologico. Alcuni di loro minacciano di suicidarsi, sono disperati, non comprendono appieno cosa stia accadendo e quali sono i piani delle autorità”.

Intanto, Italia e Olanda sono ai ferri corti. L’Aja, intanto, che si è assunto la responsabilità sul fatto che la Sea watch 3 batte bandiera olandese, ma “ciò non significa che prenderemo anche i migranti’

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, la capitana Carola Rackete: “Ci hanno detto di essere pazienti, perché la situazione si sta sbloccando”

next