“Sono l’ultimo bohémien di questo paese. Oggi mi sfrattano, ma questa è la legge, non è la giustizia che è al di sopra della legge”. Questa mattina Marco Castoldi, in arte Morgan, ha lasciato la sua villetta di Monza, dopo che nel 2017 il Tribunale aveva deciso per il pignoramento in seguito al mancato pagamento degli alimenti alle figlie delle sue ex mogli e un debito con Equitalia. Dopo il rinvio dello sfratto della scorsa settimana, l’artista aveva provato a salvare l’immobile senza successo e oggi punta il dito contro il sistema giudiziario e contro i suoi colleghi che lo hanno lasciato solo: “Vasco, Jovanotti e Ligabue pensano solo a fare dischi, non sono stati al mio fianco”. Di fronte ai giornalisti ha raccontato di aver passato l’ultima notte scrivendo due canzoni e a chi gli chiede della questione degli sfratti nel paese: “Sono al fianco di chi occupa le case, facciamo una battaglia per i diritti, avevo anche chiesto di venire a occupare la casa”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gianni Morandi, i fan gli fanno gli auguri per l’onomastico ma lui rivela: “Non mi chiamo così”

next
Articolo Successivo

Paola Turci fa un tweet critico su Roma e viene travolta dagli insulti: “Che hai fatto alla faccia? Sniffi l’umido?”

next