Dopo quasi vent’anni era stato accusato dell’omicidio di un buttafuori e per questo la Procura aveva chiesto l’ergastolo. Ma Stefano Monti, 59 anni, non ha atteso la sentenza, fissata per la prossima settimana: si è ucciso nel carcere della Dozza, impiccandosi nei bagni del penitenziario. Nel processo il suo avvocato aveva chiesto  Secondo i pm era lui l’assassino di Valeriano Poli, il buttafuori ucciso nel 1999 alla periferia di Bologna. Monti era in carcere dal giugno 2018, quando le indagini sul caso avevano avuto una svolta: una goccia del sangue di Monti era stata trovata sulle scarpe della vittima. Le analisi del sangue insieme a un filmato amatoriale – girato a un battesimo una ventina di giorni prima dell’omicidio – in cui le scarpe risultavano pulite, avevano portato all’arresto del 59enne. Determinante era stato l’utilizzo di un’innovativa tecnica di comparazione tridimensionale, utilizzata per la prima volta in Italia in ambito forense, denominata Analysis of Virtual Evidence (cosiddetto “teatro virtuale”).

Valeriano Poli, 34 anni, venne ucciso la sera del 5 dicembre 1999 da otto colpi di pistola. Secondo il pm Roberto Ceroni, che ha coordinato le indagini della squadra mobile, l’assassinio fu commesso per vendetta alcuni mesi dopo una rissa, all’uscita della discoteca Tnt in via di Corticella, in cui – secondo questa ricostruzione – Monti venne picchiato da Poli. Nei mesi precedenti all’omicidio, Poli aveva ricevuto minacce e intimidazioni: da marzo, quando ci fu la lite davanti alla discoteca dove Poli lavorava come buttafuori, la vittima aveva ricevuto spilloni e bossoli, poi risultati riconducibili all’arma del delitto. Questi elementi avevano portato la Procura a contestare anche la premeditazione a Stefano Monti.

Monti era già stato indagato subito dopo l’omicidio, ma la sua posizione era stata archiviata. Quando aveva saputo della riapertura delle indagini, aveva spiegato il giorno dell’arresto il procuratore di Bologna Giuseppe Amato, Monti aveva smesso di rispondere al telefono, cercando di creare un ambiente protettivo omertoso: “Anche a Bologna in un ambiente sano e pulito, si riscontrano comportamenti elusivi, di omertà e reticenza“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cagliari, uomo ucciso a Sestu a colpi d’arma da fuoco. Indagini della polizia

prev
Articolo Successivo

Ravenna, bimbo di quattro anni muore annegato in una piscina di Mirabilandia

next