Non solo per lei ma anche per ogni altro bambino che dovrà lottare contro la sua stessa paura. Ella Casano ha 12 anni e vive in Connecticut. Da quando aveva 7 anni soffre di una malattia autoimmune che la costringe ad andare in ospedale ogni sei, otto settimane per sottoporsi a trasfusioni. Ella ha infatti la piastrinopenia immune.

E da quando ha cominciato a percorrere questa difficile strada, una cosa le ha fatto paura: le flebo. Ecco perché si è inventata Medi Teddy, un peluche che ha la forma di un orso e che serve a coprire la flebo. Ora, la ragazzina e sua madre hanno lanciato una raccolta fondi per creare tanti Medi Teddy da distribuire agli ospedali pediatrici: e se 5 mila dollari era il loro obiettivo, ecco la sorpresa. Sono arrivati più di 20 mila dollari. La storia di Ella ha infatti trovato spazio nei media americani e in quelli di tutto il mondo.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andrea Camilleri “non è cosciente, le sue condizioni sono stazionarie ma critiche”

next
Articolo Successivo

Gianni Morandi stava andando a cento all’ora, ma non aveva fatto i conti con Mirto. La sua corsa ha un finale tutto da ridere

next