Rinunciare per quest’anno a giocare l’Europa League e in cambio avere più tempo per rispettare i paletti del Fair Play Finanziario, evitando così il rischio di una sanzione per ogni triennio in cui non è stato raggiunto il pareggio di bilancio. Queste sono le basi dell’accordo tra il Milan e l’Uefa, secondo quanto racconta il Corriere della Sera: un’intesa da raggiungere entro il 14 agosto prossimo, data in cui il Tas si esprimerà sulle violazioni del triennio 2014-2017 e che al momento pare molto vicina. Se questa dovesse essere la decisione, in Europa League al posto dei rossoneri finirebbe il Torino, mentre la Roma eviterebbe i preliminari e passerebbe direttamente alla fase a gironi.

Trovare un accordo conviene prima di tutto al Milan, anche se rimarrebbe per una stagione senza il palcoscenico europeo. Dopo una serie di titubanze se n’è resa conto anche la società. In questo momento infatti i rossoneri rischiano già una doppia sanzione. Da una parte, la Camera giudicante dell’organo di controllo finanziario Uefa ha sospeso il giudizio sulle violazioni del Fair Play Finanziario che riguardano il periodo 2015-2018. Questo perché sta attendendo la decisione del Tribunale arbitrale dello sport sulle precedenti violazioni (triennio 2014-2017): la Uefa aveva comminato una multa da 12 milioni di euro e l’esclusione dall’Europa nel 2021 in caso di mancato pareggio di bilancio entro quell’anno. Contro questa decisione il Milan si è appunto appellato al Tas che deciderà tra due mesi.

Qual è il problema? I rossoneri avrebbero la stessa grana anche per i trienni a venire, sicuramente almeno per quello 2016-2019 visto che anche il bilancio in chiusura a giugno non rispetterà le regole finanziarie Uefa. Questo perché il Milan non è mai riuscito a chiudere un settlement agreement con Nyon, come invece hanno fatto in passato Roma e Inter. Il settlement agreement consiste in un piano di rientro verso il pareggio di bilancio concordato tra le parti che, tra restrizioni e paletti, permette almeno di sanare le violazioni. I rossoneri rischiano invece delle sanzioni multiple anno dopo anno: per questo chiudere la pratica e ottenere più tempo per raggiungere il pareggio di bilancio, anche rimanendo fuori dalle Coppe, è più che mai importante per cominciare senza ombre il nuovo ciclo avviato dall’amministratore delegato Ivan Gazidis scegliendo Paolo Maldini come direttore tecnico.

Resta alla finestra il Torino che in virtù del settimo posto conquistato in campionato subentrerebbe di diritto al Milan. A quel punto, il club di Urbano Cairo dovrà giocare i preliminari mentre ad accedere direttamente alla fase a gironi dell’Europa League sarebbe la Roma. Potrebbe essere una buona notizia anche per il club giallorosso che eviterebbe di giocare partite decisive mentre è ancora nel mezzo di una rivoluzione interna che per ora ha portato all’arrivo in panchina di Fonseca e all’addio di Francesco Totti annunciato lunedì in conferenza stampa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali 2022, baratto all’Eliseo: miliardi di investimenti in Francia per convincere Platini a votare Qatar

prev
Articolo Successivo

Mondiali calcio femminile, Italia sconfitta dal Brasile ma prima nel girone: ora aspetta l’avversaria agli ottavi di finale

next