Le mosse annunciate da Mario Draghi sono “nelle legittime prerogative della Bce e potremo essere, come Paese, interessati da queste iniziative”. Del resto “ogni sistema economico assume le iniziative per difendere le proprie imprese e i propri cittadini”. Quanto alle politiche degli Stati Uniti, invece, “noi la guerra dei dazi la stiamo soffrendo, questo è un dato di fatto. Lo dico sempre all’amico Trump e glielo dirò anche al G20 in Giappone“. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, commenta così una giornata segnata dagli attacchi distanza del presidente Usa al numero uno dell’Eurotower. E si schiera con Draghi, accusato dal tycoon di mettere in atto politiche che danno ai Paesi Ue un vantaggio competitivo ingiusto rispetto agli Usa in campo economico, rendendo più competitivi i prodotti delle loro aziende.

Quella che serve all’Italia è “una ‘manovra contiana‘”, ha aggiunto Conte rispondendo con una battuta a chi gli chiedeva conto dell’ipotesi di una ‘manovra trumpiana‘ lanciata lunedì da Matteo Salvini in visita a Washington. Da Napoli il premier ha dovuto ribadire la compattezza dell’esecutivo, dopo l’ennesimo botta e risposta tra il ministro dell’Interno e il titolare del Tesoro, Giovanni Tria, sempre sulla questione dei minibot. “Tutto il governo ha un unico obiettivo che è evitare l’infrazione Ue che non fa bene all’Italia. Poi i toni possono essere diversi ma l’obiettivo è comune”, ha detto Conte a margine della visita alla onlus ‘Oasi Figli in Famiglia’. Mercoledì mattina a Palazzo Chigi vedrà i due vicepremier e il ministro dell’Economia per un nuovo vertice economico: sul tavolo ci sono sempre le misure da inserire in manovra e la negoziazione con l’Europa sulla procedura per debito eccessivo.

Dal primo punto di vista, il premier ha in testa una revisione del contratto di governo: “Abbiamo recuperato il clima di fiducia tra noi, dopo i toni veementi della campagna elettorale. Ora dobbiamo operare una ricognizione e aggiungere alcuni suggerimenti al contratto di governo”, ha spiegato un’intervista a Fanpage. Mentre la flat tax e il salario minimo rimangono i punti fermi della manovra: “La sintesi sarà fare tutte le riforme che servono agli italiani, ovviamente tenendo conto dell’equilibrio economico“. “Siamo determinati a fare tutte le riforme che servono alle imprese e ai cittadini italiani”, ha sottolineato Conte.

Il problema però è conciliare le due misure spinte da M5s e Lega con le contestazioni sul debito mosse dalla Commissione Ue. L’Europa ora attende dati e fatti, altrimenti scatterà la procedura d’infrazione. Il premier Conte da giorni annuncia una lettera indirizzata a Bruxelles: era prevista già per oggi, forse verrà inviata giovedì, se dal vertice il governo uscirà con un accordo più solido. Alla fine, Conte potrebbe perfino consegnarla direttamente a Jean Claude Juncker durante il Consiglio europeo del 20 e 21 giugno.

“Sarà un messaggio politico – ha annunciato intanto Conte – perché l’interlocuzione tecnica è affidata al ministro Tria e andrà per la propria strada“.  “Siamo all’avvio di una nuova legislatura europea e questo Governo vuole dare il suo contributo. Non è vera la narrativa che ci vuole fuori dall’Europa, noi siamo in Europa e ci sentiamo comodamente inseriti nel sistema integrato europeo. Vogliamo però offrire un contributo all’Europa perché riteniamo che, in alcune iniziative assunte in Europa, si sia persa di vista la crescita economica e di sviluppo sostenibile e dobbiamo assicurare ai nostri popoli europei prospettive di crescita, altrimenti il risultato sarà sempre maggiore disaffezione”, ha spiegato Conte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Zingaretti: “Giorni difficili, ma ritrovata unità. Ora al lavoro per l’alternativa contro questo governo”

prev
Articolo Successivo

Governo, Conte: “All’Italia serve una manovra ‘contiana’, non altro”. E sulla lettera a UE: “Messaggio politico”

next