Un casco per la bicicletta può essere un oggetto altamente tecnologico. Lo dimostra Cerbellum One, il nuovo casco annunciato dall’azienda Briko specializzata in accessori per lo sport. Apparentemente Cerbellum One è un comune casco, ma integra un’Intelligenza Artificiale, uno specchietto retrovisore, un radar anti-investimento, due videocamere Full HD, crash alert via SMS, scatola nera, luce di posizione a LED, un multisensore GPS, un giroscopio e avvisi di disidratazione. Una dotazione d’eccezione, che porta fa alzare il prezzo fino a un valore consigliato di 490 euro.

Tutto è volto ad alzare l’asticella della sicurezza per chi va in bicicletta, mediante soluzioni attive e passive mirate. La funzione dello specchietto retrovisore è quella più intuitiva: avvisa il ciclista del sopraggiungere di un veicolo alle sue spalle. L’aspetto interessante è come: mediante un video in tempo reale riprodotto sul display dello smartphone. Inoltre, pedalando in gruppo, lo specchietto potrà essere condiviso sul cellulare di tutti i ciclisti presenti.

Per chi preferisce, invece dello specchietto c’è la funzione radar, che mostra sullo schermo del cellulare l’avvicinarsi di veicoli motorizzati alle spalle del ciclista. Oltre all’avviso grafico ci si potrà avvalere anche di allarmi sonori per avere il massimo grado di attenzione, comunque spegnibili nel caso di elevato traffico urbano. Facile poi comprendere lo scopo della luce LED posizionata sul posteriore del casco: si potrà essere ben visibili agli automobilisti.

La funzione crash alert via SMS, invece, subentra nel caso di incidente o caduta accidentale. Invia automaticamente un messaggio geolocalizzato a un contatto selezionato dall’utente, in modo da attivare i soccorsi e informare sull’accaduto. Contestualmente al messaggio, la scatola nera integrata nel casco archivia in cloud le immagini dei 2 minuti precedenti e successivi all’impatto, fornendo le prove di quanto avvenuto. Lo spazio necessario per quest’ultima operazione è fornito al momento della registrazione sull’app Briko Cerebellum. Lo spazio cloud e le videocamere sono funzionali anche per ricordarsi delle pedalate: i video registrati in alta risoluzione permettono di rivivere il percorso della giornata. Basta scaricare la registrazione sul proprio PC e condividerla con gli amici.

Anche sotto il profilo sportivo ci sono informazioni interessanti: questo casco rileva tramite appositi sensori la temperatura e la sudorazione del ciclista. In caso i livelli superino la soglia di sicurezza, verranno generati automaticamente degli avvisi per prevenire problemi di disidratazione.

Tutti i sensori e gli accessori indicati fanno capo a un processore integrato sotto alla calotta del casco e gestito con il supporto dell’Intelligenza Artificiale per lo svolgimento corretto e puntuale di tutte le funzioni.  La comunicazione con lo smartphone avviene via Bluetooth e Wi-Fi, mediante l’app disponibile per dispositivi iOS e Android. Il produttore dichiara un’autonomia fino a 4 ore, a seconda delle funzionalità attivate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung CRG5 è il monitor per videogiocatori con frequenza di aggiornamento da record di 240 Hz

prev
Articolo Successivo

Software Microsoft troppo costosi, il CERN passa all’open source

next