Condannato per aver diffamato Arcigay. È la sentenza emessa dal tribunale di Verona per Massimo Gandolfini, portavoce del Comitato ‘Difendiamo i nostri figli‘ e organizzatore del Family Day. I giudici lo hanno condannato a quattro mesi di reclusione, convertiti in una sanzione pecuniaria di 30mila euro, e a una multa di 10mila euro per danni.

La condanna è legata alle dichiarazioni di Gandolfini a un incontro pubblico del 2015. Aveva sostenuto che tra le 58 identità di genere approvate da Arcigay – tra cui era possibile optare su Facebook per connotare il proprio profilo – vi fosse anche la pedofilia. Durante l’incontro Gandolfini aveva mostrato un articolo di Repubblica travisandone però il contenuto: nell’articolo, infatti, era scritto che una delle identità di genere approvate da Arcigay era quella del “femminiello”, cioè una figura omosessuale tipica della tradizione popolare napoletana di aspetto marcatamente effeminato, e non la pedofilia.

Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay, ha commentato così la sentenza: “Ancora una volta un esponente del mondo ultraconservatore viene condannato per la sua condotta nei confronti delle persone e delle associazioni lgbti. Pochi mesi fa Pillon veniva condannato a Perugia, oggi Gandolfini fa il bis a Verona. Questa condanna ci dice molto sulla modalità che i patron del Family Day usano per affermare le proprie idee, cioè la diffamazione. Con molta soddisfazione oggi diciamo nuovamente che giustizia è fatta e che continueremo a difendere in ogni sede la dignità e l’onorabilità delle persone lgbti”.

Monica Cirinnà, senatrice del Pd, ha dichiarato riguardo alla sentenza: “È una buona notizia, nel mese dei Pride, cui l’Italia sta partecipando in massa, per testimoniare il proprio attaccamento ai valori della libertà, dell’eguaglianza e dell’inclusione, espressi dalla Costituzione: quegli stessi valori che Gandolfini disprezza, spalleggiato dalla peggiore destra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lavoro minorile, ancora 152 milioni di bambini vittime di sfruttamento. In Italia 500 casi negli ultimi due anni

prev
Articolo Successivo

C’era una volta un clandestino, storia di Eltjon Bida: dal barcone al primo romanzo. “Ma ora l’Italia è arrabbiata”

next