Avere il pene significa essere incatenati ad un folle. Pare l’avesse detto Sofocle più di 2500 anni fa. Comunque ne sono sicuri Gustav Hofer e Luca Ragazzi. Dicktatorship – Fallo e basta, in prima assoluta al Biografilm Festival 2019, è il nuovo film del duo di registi, coppia nella vita, che nel 2008 fecero capolino alla Berlinale con Improvvisamente l’estate scorsa, una singolare osservazione sull’essere una coppia gay in Italia ad inizio secolo. Bizzarro il cortocircuito di partenza. Perché è proprio Gustav a non rendersi conto di vivere accanto ad un “maschilista” progressista come Luca, capace di atteggiamenti sessisti senza nemmeno accorgersene.

Pronta la ricognizione sul suolo italico, quello di Mussolini e Berlusconi che, sostengono i due, se osservato bene tra integralisti cattolici, raduni per uomini “veri” ed esperimenti scientifici, può perfino far capire l’elezione alla casa Bianca di un misogino come Donald Trump. “Abbiamo voluto raccontare come una società fallocentrica e patriarcale non possa produrre che atteggiamenti maschilisti e sessisti. E come questi siano trasversali e indipendenti dal ceto sociale, dalla provenienza geografica, dall’orientamento politico – spiegano gli autori – abbiamo indagato su quelli che secondo noi sono i pilastri del sessismo in Italia: la scuola, la politica, i media, la famiglia e “last but not least” la Chiesa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tre blockbuster dal cuore tenero: Green Book, Creed II, Re della Terra Selvaggia

prev
Articolo Successivo

Nanni Moretti, il dietro le quinte del nuovo film: Margherita Buy in lacrime ripete la scena 3 volte. Lui: “Tra 2 minuti vai a casa”

next