L’imbarazzo, gli occhi bassi, gli sguardi che si incrociano appena al momento del passaggio della campanella avevano fatto presagire, il 22 febbraio 2014, che difficilmente tra i due sarebbe mai più corso buon sangue. Ma era difficile immaginare che a distanza di cinque anni Matteo Renzi ed Enrico Letta si affrontassero nell’ennesimo diverbio a distanza sulle vicende che portarono al passaggio di consegne.

A cominciare è stato l’ex sindaco di Firenze nel corso della sua intervista a Repubblica delle Idee a Bologna. “Enrico Letta è andato a casa, su richiesta di Roberto Speranza, capogruppo del Pd, perché i risultati economici di quel governo erano devastanti“, ha detto Renzi. Per poi aggiungere: “Con Letta il Pil era a -1,7%, le riforme erano bloccate, il Parlamento fermo e quindi ci assumemmo la responsabilità di un cambio”. “La vicenda con Letta – ha sostenuto ancora – è falsata dalla mitica discussione sullo ‘stai sereno'”. Il riferimento è ovviamente a quel famoso hashtag, #enricostaisereno, che Renzi lanciò da Daria Bignardi alle Invasioni Barbariche il 17 gennaio 2014 per smentire il fatto che avrebbe preso il suo posto a Palazzo Chigi. Passò poco più di un mese ed era a fare premier.

Renzi ha commentato anche la notizia che Letta sia in corso per un ruolo importante in Europa. “Se Francia e Germania lo avessero voluto a capo della commissione ce lo avrei portato io, ma Enrico Letta è molto forte nelle redazioni dei giornali e poco nelle cancellerie“, ha detto. Su Twitter è arrivata la replica: “Leggo Matteo Renzi prendersela ancora con me – si legge – rimestando sulle stranote vicende del 2014 (5 anni fa… una vita). Mi permetto un consiglio sulla base della mia personale esperienza; volti pagina, guardi avanti. Si fanno cose interessanti e si sta anche meglio“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nomine Csm, Renzi: “Metodo non l’ha inventato Lotti. Ipocrisia per attaccarci”. Ma non cita i guai giudiziari dell’amico

prev
Articolo Successivo

Minibot, anche Di Battista contro Tria: “Sono nel contratto. Lui a chi risponde?”

next