L’imbarazzo, gli occhi bassi, gli sguardi che si incrociano appena al momento del passaggio della campanella avevano fatto presagire, il 22 febbraio 2014, che difficilmente tra i due sarebbe mai più corso buon sangue. Ma era difficile immaginare che a distanza di cinque anni Matteo Renzi ed Enrico Letta si affrontassero nell’ennesimo diverbio a distanza sulle vicende che portarono al passaggio di consegne.

A cominciare è stato l’ex sindaco di Firenze nel corso della sua intervista a Repubblica delle Idee a Bologna. “Enrico Letta è andato a casa, su richiesta di Roberto Speranza, capogruppo del Pd, perché i risultati economici di quel governo erano devastanti“, ha detto Renzi. Per poi aggiungere: “Con Letta il Pil era a -1,7%, le riforme erano bloccate, il Parlamento fermo e quindi ci assumemmo la responsabilità di un cambio”. “La vicenda con Letta – ha sostenuto ancora – è falsata dalla mitica discussione sullo ‘stai sereno'”. Il riferimento è ovviamente a quel famoso hashtag, #enricostaisereno, che Renzi lanciò da Daria Bignardi alle Invasioni Barbariche il 17 gennaio 2014 per smentire il fatto che avrebbe preso il suo posto a Palazzo Chigi. Passò poco più di un mese ed era a fare premier.

Renzi ha commentato anche la notizia che Letta sia in corso per un ruolo importante in Europa. “Se Francia e Germania lo avessero voluto a capo della commissione ce lo avrei portato io, ma Enrico Letta è molto forte nelle redazioni dei giornali e poco nelle cancellerie“, ha detto. Su Twitter è arrivata la replica: “Leggo Matteo Renzi prendersela ancora con me – si legge – rimestando sulle stranote vicende del 2014 (5 anni fa… una vita). Mi permetto un consiglio sulla base della mia personale esperienza; volti pagina, guardi avanti. Si fanno cose interessanti e si sta anche meglio“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nomine Csm, Renzi: “Metodo non l’ha inventato Lotti. Ipocrisia per attaccarci”. Ma non cita i guai giudiziari dell’amico

next
Articolo Successivo

Minibot, anche Di Battista contro Tria: “Sono nel contratto. Lui a chi risponde?”

next