Seconda parte della concitata polemica tra l’europarlamentare Carlo Calenda (Siamo Europei-Pd) e il giornalista Alessandro Giuli, durante la trasmissione Dimartedì (La7).

Calenda rivolge un monito al pubblico, che aveva applaudito con entusiasmo l’intervento di Giuli contro l’ex ministro Elsa Fornero: “State attenti, perché per le palle che ci stanno raccontando oggi al governo il conto prima o poi arriva. E sapete cosa c’è in ballo? Le pensioni, la sanità pubblica e l’educazione. E allora dipende da noi premiare le responsabilità”.
Giuli, ancora risentito per l’appellativo ‘fascista’ rivoltogli da Calenda, ripete più volte: “Ti piace fare il duro, Calenda?”
“Calmi, mica siamo in un bar – ammonisce Giovanni Floris – Non siamo al biliardo”.
“Stiamo parlando di un signore che pensa di essere un gappista del ’45 – continua Giuli – E si permette di darmi del fascista così. Alè. Non si fa questa cosa. E’ stato due volte cafone“.
La bagarre non si placa e Floris manda in onda un servizio per placare gli animi.

Subito dopo, quando è ripristinata la calma in studio, Giuli difende ancora la flat tax e aggiunge, rivolgendosi a Calenda: “Una battaglia in Europa andrà fatta. Ma non lo dico io, che sono un pericoloso sovranista, ma Mario Monti, che ha detto: ‘Se vi comportate a Bruxelles un po’ meno da bulli… da bulli…”
“Non raccolgo la provocazione, amico mio”, risponde Calenda. E l’ex ministro dello Sviluppo economico chiede scusa al giornalista: “Non ti meritavi l’appellativo di fascista“.
Giuli accetta le scuse, si alza e stringe la mano di Calenda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Flat tax, Giuli vs Fornero: “Lady Spread”. Calenda insorge: “Hai fatto una grande cafonata”. E gli dà del fascista

prev
Articolo Successivo

Salvini, Bersani: “Ha incorporato Berlusconi, la felpa di Sant’Uffizio e un po’ di neri. Ma la sostanza?”

next