“Servono risposte, lo Stato non si fa prendere in giro”. Il messaggio del vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, dopo l’incontro al Mise coi vertici italiani della multinazionale Whirlpool, era uscito dal vertice in modo chiaro. Ciò che però sta circolando in queste ore è l’intervento del ministro allo Sviluppo economico seduto al tavolo coi rappresentanti dell’azienda e coi delegati sindacali. “Di prese in giro non ne voglio. Non posso permettere che dopo la firma dell’accordo ci diciate ‘abbiamo scherzato’. Voglio risposte” ha detto Di Maio, che ha minacciato la multinazionale di riprendere gli incentivi statali promessi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giuli vs Calenda: “Ti piace fare il duro?”. Interviene Floris: “Calmi”. Poi la stretta di mano: “Errore darti del fascista”

prev
Articolo Successivo

Sblocca cantieri, approvato in Senato superemendamento sul codice appalti. Slitta il decreto Crescita

next