Mentre tutti i cronisti dell’industria automobilistica sono con gli occhi puntati su Parigi per seguire gli sviluppi del tiremmolla Renault-FCA, BMW e il gruppo Jaguar Land Rover (JLR) hanno annunciato una collaborazione per lo sviluppo di tecnologie relative alle mobilità elettrica: insieme coopereranno sulla quinta generazione della piattaforma a emissioni zero “eDrive” (completa di trasmissione ed elettronica di potenza), ideata dall’azienda bavarese e che farà da base ai prossimi modelli 100% elettrici di JLR, nonché alla nuova suv BMW iX3. La suddetta è solo l’ultima delle partnership siglate da BMW per condividere i pesanti oneri ingegneristici relativi all’auto del futuro: la marca ha già in essere accordi con Daimler, Intel ed FCA in tema di guida autonoma, elettrificazione, servizi e connettività.

“L’industria automobilistica sta subendo una forte trasformazione”, ha detto Klaus Froehlich, membro del consiglio di amministrazione di Bmw AG con responsabilità per ricerca e sviluppo: “Consideriamo la collaborazione una chiave di successo, anche nel campo dell’elettrificazione. Con Jaguar Land Rover, abbiamo trovato un partner i cui requisiti per la futura generazione di unità elettriche corrispondono in modo significativo alla nostra. Insieme potremo soddisfare in modo più efficace le esigenze dei clienti abbreviando i tempi di sviluppo e portando più rapidamente veicoli e tecnologie all’avanguardia sul mercato”.

I due costruttori possiedono delle competenze specifiche sulle auto a emissioni zero: infatti, BMW annovera in gamma la i3, mentre Jaguar possiede nella sua offerta la I-Pace, suv a batteria recentemente insignito del premio di Auto dell’Anno 2019. Unire le forze, quindi, non potrà che giovare alle due aziende, specie in termini di efficientamento delle spese e delle economie di scala, soprattutto per quanto concerne la catena dei fornitori. Quartier generale del sodalizio sarà Monaco di Baviera, dove team ingegneristici di entrambe le marche porteranno avanti il comune lavoro di progettazione dei powertrain: questi ultimi, però, saranno prodotti nelle rispettive fabbriche (a Wolverhampton per quanto riguarda JLR).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Di Maio delegittimato dal voto su Rousseau? Si esprimano iscritti M5s. Mi interessa lavorare”

next
Articolo Successivo

Toyota spinge sull’elettrico. Alleanza con Subaru, nuove batterie e piattaforme

next