Oggi a Torino il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, insieme ai rappresentanti di sei Ministeri e al presidente della Commissione europea per l’Ambiente, Karmenu Vella, ha firmato un Protocollo d’intesa anti-smog (400 milioni di euro all’anno per il triennio 2019-2021). “Un patto d’azione – dichiara il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa – con una connotazione concreta per migliorare la qualità dell’aria”. Un impegno fortemente stimolato dal presidente della Commissione, Vella, che dal palco avverte: “Adesso i vostri cittadini si aspettano che questi impegni vengano mantenuti. Ho ancora preoccupazioni, l’Italia ha ancora due infrazioni aperte sulla qualità dell’aria”. La Commissione Europea ha aperto due procedure di infrazione nei confronti dell’Italia per la non corretta applicazione della direttiva 2008/50/CE per i superamenti dei livelli di particolato pm10 e del biossido di azoto. “Il tema non è uscire dalle due infrazioni – spiega a margine il ministro Costa – ma è una cifra: 80mila persone all’anno che muoiono a causa dello smog, un numero che noi vogliamo azzerare completamente”. Nel pomeriggio, fuori dal centro congressi, i ragazzi di Fridays for Future e di Extinction Rebellion hanno messo in scena un corteo funebre per lanciare l’allarme sul cambiamento climatico: “Le parole sono belle, ma non ci bastano. Da oggi monitoreremo insieme a scienziati il rispetto di questo protocollo per capire se il governo sta facendo per davvero qualcosa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rifiuti, 20 arresti per traffico illecito in sei regioni. Il gip di Milano: “Nei capannoni nessuna precauzione per salute”

prev
Articolo Successivo

Rifiuti, dopo la Cina altri Paesi asiatici fermano importazione. “Nel 2030 rischio di dispersione di 111 milioni tonnellate”

next