Il tribunale svedese di Uppsala ha rigettato la richiesta di arresto per Julian Assange nel processo a suo carico per violenza sessuale. Questo significa che il pubblico ministero non potrà richiedere immediatamente la sua estradizione dalla Gran Bretagna. Il fondatore di WikiLeaks attualmente si trova in un carcere britannico per violazione della cauzione dopo l’espulsione dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra che gli aveva dato asilo.

L’inchiesta svedese, che si era fermata nel 2017 dopo che Assange si era appunto rifugiato nell’ambasciata, è stata riaperta a metà maggio scorso. Una donna lo ha accusato di averla stuprata in Svezia nel 2010, ma il cyber-attivista australiano ha sempre negato. Su Assange pende anche una richiesta di estradizione negli Usa per aver diffuso documenti coperti da segreto.

Il viceprocuratore capo, Eva-Marie Persson, aveva fatto riferimento al rischio di fuga di Assange e per questo aveva sollecitato l’arresto e la detenzione. Secondo il giudice, invece, il 47enne australiano potrà essere interrogato quando avrà finito di scontare la pena in Gran Bretagna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoletani scomparsi in Messico, l’intercettazione che incastra il boss el Quince: “Fatene ciò che credete”

prev
Articolo Successivo

Tensione Cina-Usa: stretta di Washington sui visti di ricercatori, studenti e docenti di Pechino. Timori per attività spionaggio

next