Il primo passo della riorganizzazione dei Cinquestelle è la sostituzione dei probiviri. Ad annunciarlo è il capo politico, appena riconfermato dal voto online su Rousseau, Luigi Di Maio. A rassegnare le dimissioni sono Riccardo Fraccaro e Nunzia Catalfo, che – sottolinea Di Maio – portavano avanti questo compito con grandissima generosità e per questo li ringrazio di cuore, ma erano entrambi impegnati uno con il ruolo di ministro e l’altra con quello di presidente della Commissione lavoro al Senato”.

Sul Blog delle Stelle Di Maio ha annunciato una votazione online per individuare i nuovi probiviri, “magari persone che hanno svolto già i due mandati o che stanno per terminarli”. Il ruolo dei probiviri diventa spesso fondamentale nel vaglio delle candidature. “E’ un lavoro delicato che serve per eliminare dal Movimento quelli che se ne approfittano e che provano ad infiltrarsi” puntualizza Di Maio. E’ evidente che il processo di riorganizzazione del Movimento ha bisogno di altri passaggi di riforma, ma il capo politico del M5s annuncia che “presto ci saranno altre novità“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cannabis, Bussetti: “Felice per sentenza, no a legalizzazione”. E su maturità: “Studenti stiano tranquilli”

prev
Articolo Successivo

M5s, Lombardi: “Spero si riaprano i meet up. Non ho votato perché il problema del cumulo di cariche di Di Maio rimane”

next