Il gip del tribunale di Piacenza ha disposto l’imputazione coatta nei confronti di due dei tre agenti della polizia penitenziaria del carcere di Piacenza accusati di lesioni aggravate nei confronti di un detenuto marocchino. Il giudice ha respinto per loro la richiesta di archiviazione avanzata dal pm Emilio Pisante che ora dovrà riformulare il capo di imputazione. Prosciolto invece il terzo agente coinvolto.

Sotto accusa ci sono l’ex comandante della polizia penitenziaria e un ispettore. Lo straniero, ora espulso dall’Italia, ma all’epoca detenuto per una pena di 9 anni e 4 mesi per violenza sessuale nei confronti di due ragazze, aveva denunciato di essere stato trascinato fuori dalla propria cella e pestato, portando come prova i filmati delle telecamere di sicurezza. Il fatto risale al 2016.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marco De Benedetti paga 670mila euro di manutenzione ed evita il sequestro dello yacht che rischiava di finire all’asta

next
Articolo Successivo

Caso Palamara, Spina si dimette dal Csm. Che chiede le carte dell’inchiesta a Perugia: plenum straordinario il 4 giugno

next