Il gip del tribunale di Piacenza ha disposto l’imputazione coatta nei confronti di due dei tre agenti della polizia penitenziaria del carcere di Piacenza accusati di lesioni aggravate nei confronti di un detenuto marocchino. Il giudice ha respinto per loro la richiesta di archiviazione avanzata dal pm Emilio Pisante che ora dovrà riformulare il capo di imputazione. Prosciolto invece il terzo agente coinvolto.

Sotto accusa ci sono l’ex comandante della polizia penitenziaria e un ispettore. Lo straniero, ora espulso dall’Italia, ma all’epoca detenuto per una pena di 9 anni e 4 mesi per violenza sessuale nei confronti di due ragazze, aveva denunciato di essere stato trascinato fuori dalla propria cella e pestato, portando come prova i filmati delle telecamere di sicurezza. Il fatto risale al 2016.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marco De Benedetti paga 670mila euro di manutenzione ed evita il sequestro dello yacht che rischiava di finire all’asta

prev
Articolo Successivo

Caso Palamara, Spina si dimette dal Csm. Che chiede le carte dell’inchiesta a Perugia: plenum straordinario il 4 giugno

next