“E’ molto difficile per una persona che ama veramente il sesso fingerlo, o meglio, per una persona che amava il sesso. Adesso sono più contorta sul piano intellettuale e meno sul piano fisico. Faccio meno fatica. Ho corteggiatori dai 23 ai 90 anni: tanto non facendo sesso posso fare quello che voglio”. Alba Parietti, ospite della terza stagione di “Belve”, il programma di Francesca Fagnani in onda su Nove, venerdì 31 maggio alle ore 22,45, rivela questa nuova sfumatura della sua vita. Eppure la showgirl tra le più amate in Italia, volto della Rai di Boncompagni, giudice e opinionista nei reality più famosi, nonché ex ballerina di Milly Carlucci nel programma Ballando con le stelle viene ricordata oggi anche per la sua parte nel film erotico Il Macellaio di Aurelio Grimaldi, del 1998, a cui l’attrice prese parte dopo aver rifiutato di entrare a far parte del cast di Così fan tutte di Tinto Brass. Purtroppo però la pellicola al cinema non soddisfò le pulsioni del pubblico: “Facemmo addirittura fatica a farci dare il divieto ai minorenni. Ci volevano dare i 14 anni”, racconta la Parietti che non risparmia un simpatico episodio del backstage: “Mi resi conto che eravamo molto poco erotici quando girando una delle scene di sesso più forti la troupe disse ad Aurelio: ‘A Dottò ce sta la partita’. E lì ho pensato: ‘Se questi della troupe preferiscono vedere la partita che me, che all’epoca ero ‘l’icona del sesso’, in un amplesso pazzesco, questa scena, di sesso, non ne farà a nessuno. E così è stato”. Un difetto non da poco per un film sui generis, forse da attribuire al troppo pudore: “Le persone non lo sanno, ma nelle scene di sesso – rivela la Parietti – usavamo la pelle di daino per non avere un contatto fisico”. Il film infatti, per stessa ammissione di Alba, è passato rapidamente dalle sale cinematografiche alle televisioni degli italiani, dove invece sembrò trovare maggiore consenso: “Il Macellaio è andato in onda più de La Passione di Cristo!”, commenta divertita.

“Belve” (8 episodi da 30’) è scritto da Francesca Fagnani e prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Belve (Nove), Alba Parietti: “Tra i miei amori Ezio Bosso e Gianluca Vialli. Anche Saviano? Sarebbe piacevole”

next
Articolo Successivo

Belve (Nove), Carfagna: “Le intercettazioni inesistenti tra me e Berlusconi? Costruite ad arte per distruggermi”

next