La memoria della Resistenza presto potrà avere un suo prezioso archivio, fatto di parole e volti di chi per la Liberazione ha dato la propria vita. Il progetto si chiama “Noi, partigiani” ed è stato promosso, su input di Gad Lerner e Laura Gnocchi (che avranno il coordinamento editoriale), dalla presidenza nazionale dell’Anpi. Prevede la realizzazione , in 2 anni, di un archivio pubblico contenente interviste video alle ultime partigiane e partigiani viventi.  “L’intento – si legge in una nota dell’associazione dei partigiani –  è quello di dare forma ad un memoriale vivo e condiviso, e al tempo stesso di fornire un’importante documentazione ai ricercatori e un moderno strumento di conoscenza storica e democratica alle nuove generazioni. Qualcosa di più, quindi, di un monumento celebrativo. Una grande operazione culturale per rinnovare nel tempo la consapevolezza che la Resistenza costituisce un passaggio decisivo per la costruzione della convivenza civile e per instillare nella coscienza di tutte italiane e degli italiani l’imprescindibilità dei valori di libertà, umanità e giustizia”

L’invito dei curatori è rivolto proprio ai professionisti del settore, giornalisti e operatori, affinché mettano a disposizione volontariamente le loro conoscenze per realizzare le video-interviste che comporranno l’archivio, anche digitale. “Il nostro sogno – ha spiegato Lerner durante la presentazione a Roma – è immaginare un luogo che sia un monumento contemporaneo della Resistenza”. L’obiettivo è quello di presentare i risultati entro due anni, in occasione del 75/mo anniversario della Liberazione.

Il video è un estratto delle prime interviste realizzate, ed è stato gentilmente concesso dall’Anpi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, donna scivola sulle rotaie in metropolitana e muore. Procura indaga per omicidio colposo

prev
Articolo Successivo

Roma: l’ipotesi di una discarica a valle del sito Patrimonio Unesco. I timori di una “nuova Malagrotta” vicino a Villa Adriana

next