Miglioramento del clima di fiducia sia per le imprese sia per i consumatori italiani a maggio 2019. Secondo quanto reso noto da Istat, l’indice del clima di fiducia dei consumatori torna ad aumentare dopo tre mesi consecutivi di calo passando da 110,6 a 111,8. Un’evoluzione positiva si rileva anche per l’indice composito del clima di fiducia delle imprese, che aumenta da 98,8 a 100,2. L’Istituto di Statistica rileva che tutte le componenti dell’indice di fiducia dei consumatori sono in miglioramento: il clima economico e quello corrente registrano gli incrementi più marcati mentre un aumento più contenuto si registra per il clima personale e, soprattutto, per quello futuro.

Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, ha commentato spiegando che quanto emerso rappresenta “dato inaspettato, nessun effetto elezioni. La campagna elettorale e le maggiori polemiche tra i partiti, anche di Governo, non hanno determinato un calo della fiducia”. “Anche se le interviste sono state svolte nella prima metà del mese, ossia prima del voto, avrebbe dovuto comunque esserci un effetto legato alle maggiori discussioni tra i leader di partito. Invece – osserva Dona– restano stabili le attese sulla situazione economica dell’Italia e addirittura migliorano i giudizi sul Paese”. “Evidentemente gli italiani considerano fisiologiche oppure ininfluenti oppure fittizie le continue liti e discussioni”, conclude il presidente dell’UNC.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inpgi, la Corte dei conti su esercizio 2017: “Quadro in preoccupante peggioramento”

prev
Articolo Successivo

Spread, differenziale Btp-Bund supera i 290 punti. E i titoli italiani a 5 anni arrivano a rendere più di quelli greci

next