Si era rifiutata di prestarsi a un’orgia, allora l’hanno inseguita e picchiata, ancora e ancora, tentando di derubarla, finché uno sconosciuto non è intervenuto da un balcone. La vittima è una transessuale di Foggia. Gli aggressori sono quattro ragazzi, due dei quali minorenni, che ora si trovano agli arresti per tentata rapina e lesioni personali aggravate. I due maggiorenni, di 20 e 21 anni, sono portati in carcere, mentre i due minorenni nel carcere minorile di Bari. I giovani sono stati individuati grazie alle telecamere presenti nella zona dell’aggressione.

I fatti risalgono allo scorso 19 aprile. I quattro ragazzi, a bordo di un automobile hanno avvicinato la vittima vicino a un centro commerciale e senza scendere dal mezzo le hanno chiesto una prestazione sessuale di gruppo. Al rifiuto della trans, i giovani hanno reagito male, iniziando a insultarla, minacciarla e sputarle addosso. Quando è scappata in una strada laterale, è stata rincorsa e fatta cadere a terra con uno sgambetto. A quel punto i quattro hanno iniziato a picchiarla ovunque con calci e pugni. Le hanno sfilato una scarpa per impedirle di fuggire e hanno provato a strapparle la borsa. La vittima è riuscita ad alzarsi e provare a scappare. Ma dopo pochi metri è stata raggiunta di nuovo dalla banda. Uno dei giovani l’ha fatta cadere con un calcio alla schiena e gli altri hanno continuato a picchiarla. Uno dei giovani le ha dato diversi calci in faccia, rompendole un dente.

Alla fine, hanno trascinato la vittima per la borsa per diversi metri, tentando di rubargliela. Ma fortunatamente uno sconosciuto, allarmato dalle grida, ha iniziato a urlare da uno dei balconi facendo fuggire il gruppo e mettendo fine al pestaggio. Per tutto il tempo la vittima ha continuato a gridare aiuto, sperando che qualcuno la sentisse. L’indagine della polizia, coordinata dalla Procura di Foggia e dalla Procura del Tribunale per i minorenni di Bari, ha permesso in poco tempo di identificare i componenti del branco.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bimbo ucciso a Milano, il gip: “Il padre potrebbe rifarlo”. Sui piedini del piccolo anche bruciature di sigarette

prev
Articolo Successivo

Novara, bambino di due anni morto in casa: fermati padre e madre. “Corpo martoriato e maltrattamenti pregressi”

next