Chi ha uno smartphone Samsung da oggi può beneficiare di nuovi servizi opzionali di garanzia e assistenza presso i centri di riparazione autorizzati. Il produttore sud coreano, fra i più popolari in Italia, ha deciso di attivare nel Belpaese due opzioni a pagamento che permettono agli utenti di rimediare ai danni accidentali, come ad esempio la rottura dello schermo dovuta a cadute o urti, a prezzi scontati rispetto ai listini ufficiali.

Smart Repair rimedia ai danni non coperti da garanzia, Ora Samsung promette interventi di riparazioni in 60 minuti. Smart Repair non è un servizio che si sottoscrive all’acquisto dello smartphone: serve nel momento in cui si è verificato un danno, per comprare un “pacchetto di riparazione” scontato rispetto quanto pagherebbe chi non ha sottoscritto l’opzione. I prezzi variano a seconda del tipo di danno e del modello di smartphone, per avere un termine di paragone prendiamo l’esempio del Galaxy S10+, un top di gamma che costa all’incirca 1.000 euro. Sostituire il display con uno originale comporta costi superiori a 300 euro, comprando la nuova opzione costerò 240 euro, comprensivi di ritiro e riconsegna a domicilio.

Prima di sottoscrivere il servizio è consigliabile collegarsi alla pagina dedicata e usare il selettore a tendina per controllare il prezzo della riparazione in funzione del proprio modello di smartphone, quindi confrontarlo con il preventivo del centro di assistenza. Secondo Samsung, la maggior parte delle riparazioni viene effettuata in un’ora.

Molti staranno calcolando che esistono migliaia di centri di riparazione non ufficiali che offrono la sostituzione dello schermo a prezzi più vantaggiosi. È vero, ma non dispongono dei pezzi di ricambio originali, e soprattutto il loro intervento fa decadere la garanzia. Per questo, se a danneggiarsi è un prodotto nuovo, è consigliabile rivolgersi ai canali ufficiali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Droni DJI con sensori per il traffico aereo: vedranno aerei ed elicotteri in tempo per evitare collisioni

next