Il Consiglio dell’Unione Europea ha dato l’ok alla direttiva che vieta dal 2021 oggetti in plastica monouso come piatti, posate e cannucce. Tra gli altri prodotti banditi anche i palloncini e i cotton-fioc. Gli Stati membri si sono inoltre impegnati a raggiungere la raccolta delle bottiglie di plastica del 90 per cento entro il 2029 e le bottiglie di plastica dovranno avere un contenuto riciclato di almeno il 25 per cento entro il 2025 e di almeno il 30 per cento entro il 2030. Le nuove regole “sono un grande primo passo per voltare pagina”, commenta Greenpeace Europa. La direttiva prevede anche “norme più severe per prodotti e imballaggi che rientrano fra i dieci inquinanti più rinvenuti sulle spiagge”.

Secondo la Coldiretti il 27 per cento degli italiani ha già evitato di acquistare oggetti di plastica monouso, rifiuti che mettono in pericolo non solo gli animali marini ma anche quelli in fattoria. Mucche, pecore o cavalli degli allevamenti rischiano, infatti, di restare soffocati dai residui plastici magari abbandonati nei prati a fine picnic. Secondo l’analisi della Coldiretti, sulla base dei dati Eurobarometro, diffusa in occasione del via libera da parte del Consiglio Ue, il 68 per cento degli italiani ritiene che sarebbe opportuno pagare un sovrapprezzo per questi prodotti, evidenziando così un comportamento virtuoso spinto da una crescente attenzione alla sostenibilità ambientale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

A Civitavecchia un comitato si batte per chiudere col carbone senza tuffarsi nel gas

prev
Articolo Successivo

Giornata della biodiversità, ecco le specie che in Italia rischiano l’estinzione: dal lupo all’orso bruno fino ad api e farfalle

next