Dopo giorni di tensioni con la Lega, da viale Mazzini arriva la fumata bianca. L’amministratore delegato Fabrizio Salini ha firmato e comunicato al consiglio d’amministrazione della Rai l’elenco delle nomine di sua competenza. E da quella lista sono esclusi alcuni nomi nomi cari al Carroccio. L’ad ha puntato su tre donne per altrettante poltrone chiave: alla direzione dell’area Digital va Elena Capparelli, attualmente vicedirettore della direzione Rai Tre. Alla guida degli acquisti è stata scelta Monica Caccavelli, ora responsabile della consulenza contrattuale nella direzione Affari legali e societari. Va a sostituire Felice Ventura, che si sposta alla guida della direzione Risorse umane e organizzazione. Ventura è vicino al centrodestra ma non alla Lega: è considerato gradito a Giampaolo Rossi, consigliere di amministrazione in quota Fratelli d’Italia. Di area centrodestra – ma non strettamente leghista – è considerata Simona Martorelli nominata responsabile Relazioni Internazionali.

L’ex direttore del Tg1, Andrea Montanari, attualmente nello staff di Salini, va a guidare l’ufficio studi di viale Mazzini. Pietro Gaffuri, attualmente responsabile, nell’ambito del Cfo, della struttura Bilancio Sociale, è il nome scelto per la posizione di Direttore Transformation Office. Alessandro Zucca, attualmente vicedirettore della direzione Rai Sport, va a occuparsi di Infrastrutture immobiliari e sedi locali. Nello spacchettamento dell’area rapporti istituzionale l’attuale vice con delega ai rapporti con la Vigilanza Rai, Stefano Luppi, assume la guida della direzione: un altra poltrona rivendicata dal partito di Matteo Salvini, senza successo.

Cambio anche alla direzione comunicazione, dove lascia dopo tre anni e mezzo Giovanni Parapini, arrivato con l’allora direttore generale Antonio Campo Dall’Orto: in questo periodo ha lavorato all’introduzione dell’area della Corporate communication. Adesso passa il testimone a Marcello Giannotti, arrivato a viale Mazzini nel dicembre 2018 come consulente per la comunicazione di Salini (unico esterno portato dall’ad insieme ad Alberto Matassino). Giannotti, romano, proviene dal mondo del giornalismo e dello spettacolo. Secondo Repubblica un altro nome che piaceva alla Lega era quello di Massimo Ferrario, ex presidente della provincia di Varese, per la poltrona di direttore della produzione. Che è rimasta occupata da Roberto Cecatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Par condicio, diffida dell’Agcom al Tg2: ‘Violate le norme in vista delle Europee. Servizi incompleti, parziali e non obiettivi’

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, “una disgrazia imprevedibile e inevitabile”. Ecco i fatti che smentiscono Luciano Benetton

next