Aveva precedenti per maltrattamenti e violenza sessuale in ambito familiare, lesioni personali e minacce dopo una lite in strada ma soprattutto gli era stata ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza. Questi i precedenti, come racconta Repubblica, di Deniss Panduru, cittadino romeno 51enne che ieri era alla guida ubriaco dello scuolabus che si è rovesciato lungo la strada provinciale 21, ad Arquà Petrarca, causando il ferimento di otto studenti tra i sette e i quattordici anni.

La Seaf – la compagnia proprietaria dei pullman di Este – ha comunicato che l’uomo era stato assunto 40 giorni prima. Tuttavia i responsabili dell’azienda non sapevano della violenza né del ritiro della patente per ubriachezza perché non è obbligatorio chiederne conto al casellario giudiziale. Inoltre il ritiro della patente per stato di ebbrezza ad oggi non impedisce di continuare, terminata la sospensione, ad esercitare quella professione. Secondo la circolare del Viminale emanata due mesi fa dopo il bus dirottato a Milano chi affida il servizio deve fare “puntuali accertamenti sui requisiti” del guidatore. Ma qui Repubblica ha segnalato una diversità di opinioni. Il sindaco di Arquà Petrarca sostiene di aver segnalato alla Seaf che l’autista non faceva rispettare le regole di comportamento a bordo. La ditta giura al contrario di non avere avuto mai problemi con l’autista. Che è stato arrestato nonostante il tentativo di fuga dopo l’incidente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mario Bozzoli, chiuse le indagini: i nipoti accusati dell’omicidio dell’imprenditore

prev
Articolo Successivo

Milano, striscioni contro Salvini nel giorno della manifestazione in centro: “Non sei il benvenuto”

next