La polizia britannica considera al momento “aperto” il caso di un giovane toscano trovato senza vita a Londra, nel quartiere di Islington, la sera dell’11 maggio scorso. Lo riporta una nota ufficiale di Scotland Yard diffusa ieri via Twitter, che conferma l’identificazione della vittima come Erik Sanfilippo, “un cittadino italiano di 23 anni”, precisando che gli accertamenti condotti finora non hanno dato “risultati conclusivi”: né nel senso di un omicidio o di una morte violenta, né in quello di un fatto accidentale. Secondo quanto riporta la Bbc il corpo è stato ritrovato in un cassonetto dei rifiuti in Tollington Road.

Gli investigatori annunciano ulteriori test e indicano un numero di telefono da chiamare invitando chi abbia informazioni utili a farsi avanti. Al momento il caso viene trattato come “un decesso non spiegato“, recita la nota. Tuttavia, uomo di 52 anni è stato arrestato per sospetto omicidio il 12 maggio salvo essere poi rilasciato su cauzione, ma non ancora scagionato. Il Consolato generale d’Italia a Londra fa da parte sua sapere di star seguendo la vicenda, in raccordo con Ambasciata e ministero degli Esteri a Roma. Il Consolato resta “in costante contatto con le autorità britanniche e con la famiglia, per ogni eventuale sviluppo dovesse emergere dagli accertamenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europee in Francia, nei sondaggi Le Pen batte Macron: sovranisti al 23,5 En Marche al 22,5. Lei: “Exploit storico”

next
Articolo Successivo

Iran, la nuova Ue dovrà salvare l’accordo sul nucleare. O il Medio Oriente si infiammerà

next