Sbarca in Italia NewsGuard, l’estensione per i browser che fornisce durante la navigazione la valutazione sull’affidabilità dei siti di notizie web. Tra le maggiori testate italiane promossi a pieni voti soltanto IlFattoQuotidiano.it, Il Sole 24 Ore, Leggo e The Post International e l’agenzia AGI. Tramite un sistema di etichette, Newsguard dà un giudizio ai siti attraverso nove criteri apolitici della deontologia professionale e poi mostra il voto agli utenti ogni volta che incrociano una notizia, sia in maniera diretta che passando dai social o dai motori di ricerca. Dei dieci giornali più letti su internet, solo Il Fatto Quotidiano ottiene una valutazione positiva su tutti e nove i punteggi, superando le testate web di Repubblica, Corriere della Sera, Messaggero e La Stampa. “NewsGuard è uno strumento che può aiutare i fruitori di notizie in Italia ad evitare cattiva informazione e disinformazione”, ha dichiarato Giampiero Gramaglia, ex direttore dell’Ansa e nuovo consulente senior di Newsguard in Italia.

Il servizio arriva in Italia in un momento politico delicato. A due settimane dalle elezioni europee, le notizie false o fuorvianti su internet sono un problema. A dirlo, è il 92% degli italiani, secondo un sondaggio di YouGov. La maggior parte delle persone (85%) vorrebbe avere strumenti per combattere la disinformazione online. E Newsguard, già approdato negli Stati Uniti e in Regno Unito, è stato definito uno strumento utile per contrastare le notizie false sia dal governo inglese che dalla commissione europea.

I giudizi sulle testate italiane
Le schede dedicate ai siti di notizie forniscono tantissime informazioni sulle testate, soprattutto sugli aspetti più problematici. L’unico tra i siti italiani più letti ad essere stato bocciato è Dagospia.it, a proposito del quale Newsguard avverte: “Si occupa di gossip, persone famose e politica, mescola le notizie con le opinioni, e ha pubblicato notizie false e fuorvianti”. Del Messaggero, invece, fa notare che non “indica i nomi dei responsabili e tutti i possibili conflitti d’interesse”. Ma neanche Repubblica e Corriere si salvano del tutto. Entrambi i siti infatti, pur essendo “verdi”, non “correggono o spiegano con regolarità e in modo chiaro gli errori” e non forniscono “informazioni sugli autori dei contenuti del sito”.

Come funziona NewsGuard
Creata da esperti e giornalisti professionisti, Newsguard valuta l’affidabilità dei siti di notizie senza censurare o bloccare alcun contenuto. Per ora, il servizio valuta il 70% dei siti di notizie presenti online in Italia ma entro la fine di giugno ne avrà classificato il 90%. L’estensione è pensata per contrastare la disinformazione online attraverso una “soluzione basata sull’intelligenza umana”. Quindi, nessun algoritmo. Può essere installata nei principali web browser, come Chrome, Explorer, Firefox e Safari. Una volta installata, l’applicazione mostra, accanto a ogni notizia trovata sui motori di ricerca o sui social media, un simbolo a forma di scudo di colore diverso a seconda del gradi di affidabilità e trasparenza della fonte. Cliccando sullo scudo si può aprire la scheda completa e approfondita del sito. Ma oltre a questo, Newsguard ha un team di giornalisti che lavora per monitorare i nuovi siti che aumentano la loro visibilità online, non ancora identificati, perché spesso possono diffondere notizie false o fare disinformazione.

Come sono valutati i siti di notizie
I giornalisti e gli esperti che si occupano di stilare le valutazioni utilizzano nove criteri pensati per valutare la credibilità e la trasparenza dei siti di notizie. La testata ottiene un punteggio positivo se: non pubblica ripetutamente contenuti falsi; raccoglie e presenta le informazioni in modo responsabile; corregge o spiega regolarmente gli errori; gestisce la differenza tra notizie e opinioni; evita titoli ingannevoli; indica i nomi dei responsabili e dichiara chi è proprietario del sito e chi lo finanzia; distingue in modo chiaro i contenuti pubblicitari; evidenzia eventuali conflitti di interesse; e infine se fornisce i nomi degli autori dei contenuti. “Newsguard si impegna ad applicare a tutti i siti di notizie criteri di valutazione completamente trasparenti, in modo che gli utenti possano comprendere meglio ciò che leggono”, ha dichiarato Steven Brill, co-Ceo di Newsguard. “Usiamo l’intelligenza umana dei nostri esperti analisti per risolvere un problema che l’intelligenza artificiale della Silicon Valley non ha risolto: la piaga della disinformazione e della cattiva informazione online”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salone del libro, Travaglio: “Dovevamo presentare libro sul Tav ma ci hanno detto che era troppo politico. Questo sulla Trattativa lo è ancora di più”

next
Articolo Successivo

Facebook chiude 23 pagine di fake news. Questa è la morte della democrazia

next