Dopo una lunga attesa, il principe Harry e Meghan Markle hanno svelato il nome scelto per il loro primogenito, nato il 6 maggio scorso. La loro scelta ha spiazzato tutti i bookmakers che scommettevano su nomi molto più tradizionali e non si aspettavano certo Archie Harrison. Anche questa volta insomma, i duchi del Sussex hanno rotto gli schemi, confermandosi degli innovatori rispetto alla rigida tradizione della Famiglia reale. La cosa però, ha suscitato non poche perplessità in rete dove si è scatenata l’ironia.

“Ci fate aspettare 9 mesi che sembrano 4 anni, ci negate la gioia di vedervi uscire dall’ospedale col principino in braccio e poi lo chiamate Archie?”, scrive qualcuno. E ancora: “È un omaggio al fidanzato di Candy Candy”, ironizzano in molti. “Kate vi ha battuto anche sulla scelta del nome”, sentenzia un altro. In realtà, fanno notare alcuni commentatori, la scelta è stata tutt’altro che scontata e non potrebbe esser più adatta per il figlio di Harry e Meghan: Archie è infatti il diminutivo di Arcibaldo, nome di origine germanica che significa “libero e forte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matrimonio Prati, la telefonata in diretta di Mark Caltagirone a Live non è la D’Urso: ecco i risultati della perizia

prev
Articolo Successivo

Cicciolina: “Qualcuno è disposto a pagare 15mila euro per il mio fallo di cristallo. Pito pito? E’ morto, ma non per colpa mia”. L’imbarazzo della D’Urso

next