Alla vigilia dell’inaugurazione del Salone del Libro di Torino, Francesco Polacchi, fondatore di Altaforte Edizioni e coordinatore regionale lombardo di Casapound, non sembra essere pentito delle parole pronunciate durante la trasmissione radio “La Zanzara nella quale si definiva “orgogliosamente fascista”. A Milano, insieme al leader Di Stefano, risponde ai cronisti che gli chiedono conto della frase con un sorriso: “E quindi?”. La Procura di Torino intanto ha aperto un fascicolo di indagine per apologia di fascismo nei suoi confronti. Dal canto suo, Polacchi attacca: “A sinistra esiste un antifascismo militante che è una mafia culturale. Ringrazio i vari Christian Raimo, Wu Ming, Zerocalcare perchè ci permettete di portare avanti il progetto culturale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Casal Bruciato, la sindaca Raggi va a trovare la famiglia rom e viene insultata: “Mafiosa, schifosa. Portali a casa tua”

next