Le parole di Peter Gomez sulle previsioni degli economisti e il suo invito a una maggiore prudenza? Mi è parso un ragionamento ben fatto. Bisogna parlare di meno e pensare di più“. Sono le parole pronunciate ai microfoni de “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, dall’economista Giulio Sapelli.

E spiega: “C’è ormai un imperialismo economicistico. Si parla sempre e tanto di economia, perché questi neo-bocconiani, che sono soprattutto matematici, riducono tutti gli aspetti della vita sociale all’economia. Sembra che l’universo possa essere mosso solo dagli incentivi economici e dalla quantità economica. Quindi, si deve parlare sempre di economia. La verità è che l’economia ha invaso tutto come criteri di riferimento e, contrariamente a quanto sosteneva Hegel, l’eccesso di quantità non è accompagnato dalla qualità“.

Il docente aggiunge: “Tutta questa follia sullo 0,2% del pil cosa vuol dire? Tu puoi essere disceso di 6 punti netti l’anno prima e poi, per alcuni mesi, crescere di 0,2. E tutti dicono che c’è la ripresa, ma quale ripresa? Poi c’è il protagonismo degli attori dell’economia. Si pensi ai banchieri centrali, che, un tempo, parlavano una volta all’anno. Adesso i banchieri centrali, nazionali, europei, lo stesso signor Draghi parlano a porte aperte. Si consideri anche il protagonismo dell’Istat – continua – che in passato faceva una relazione annuale. Oggi pubblica dati continuamente. E questo comporta condizionamenti per i cittadini. Prima c’era molto più cautela. Il neo capitalismo finanzializzato e schiavistico è accompagnato dal capitalismo del protagonismo, che diffonde terrore sulle masse. Non abbiamo mai visto lo schiavismo come adesso. Si guardi anche il numero degli infortuni e delle morti sul lavoro. Significa che qualcosa non funziona“.

Sapelli ribadisce che è necessario un ritorno alla qualità e alla cultura umanistica. E sottolinea: “C’è anche questa campagna sul debito pubblico. Ma il mondo è cresciuto grazie al debito pubblico. Attualmente, quindi, c’è un impasto di ignoranza spaventosa e di protagonismo, a cui si aggiunge il fatto che al ministero del Lavoro sono tutti boccaloni e si bevono tutto. E’ troppo presto dire che quel +0,2% di pil inverte la tendenza. Non abbiamo ancora raggiunto i punti di pil che abbiamo perso nel 2007. In 20 anni gli altri Paesi europei, come Germania e Francia, sono cresciuti attorno al 25-30%. Noi siamo cresciuti del 7%. Ma cosa volete invertire la tendenza? Sono 20 anni di politiche economiche sbagliate“.

E rincara: “Come fa quel giovanotto lì, Di Maio, e i suoi giovanotti del club di Armani, tutti pelati, distinti e ben vestiti, a dire che abbiamo invertito la rotta? L’economia è un’altra cosa, ragazzi. Parlate poco, non terrorizzate le masse e non datele illusioni, perché poi la gente torna a casa e vede che il figlio non ha il posto di lavoro. L’economia non ha mai cambiato niente, è la cultura che cambia le cose. Ora invece la cultura è ridotta all’economicismo“.

Scetticismo assoluto di Sapelli anche per il salario minimo e la flat tax, sulla quale, in particolare, osserva: “Parole, parole, parole. Si leggessero il manuale di finanza di Francesco Forte. Bisogna diminuire le tasse sulle imprese. Se non si riforma la burocrazia e non si rivedono le leggi, come quella Madia, che hanno distrutto la Pubblica Amministrazione, non si risolve la situazione. Ma sapete quanti documenti deve fare un imprenditore per aprire qualsiasi attività?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Boccia (Confindustria): “Noi criticati quando abbiamo parlato di crescita zero, ora siamo allo 0,1%”

prev
Articolo Successivo

Salvini incontra Orban, in elicottero visita il muro anti-migranti: “Metodo efficace”

next