L’Italia continuerà ad avere il suo gran premio di Formula 1 sullo storico circuito di Monza. È stata infatti raggiunta un’intesa di massima sugli aspetti economici del contratto di collaborazione tra l’Automobil club d’Italia e Liberty Media (proprietaria della Formula 1) che riguarda per il prossimo quinquennio. Le monoposto più veloci al mondo torneranno a Monza fino al 2024 e in questo modo il circuito riuscirà a festeggiare i suoi cento anni: la prima gara – anche se non ancora sotto l’egida della Formula 1 – si disputò nel 1921.

Il consiglio generale dell’Automobil club d’Italia ha dato inoltre mandato al presidente Angelo Sticchi Damiani di proseguire la negoziazione su tutti gli aspetti tecnici e commerciali relativi alla partnership, in modo da giungere alla firma del contratto in tempi brevi e rendere pienamente operativa la collaborazione. Non è la prima volta che la gara di Monza è a rischio ma alla fine una soluzione viene trovata, in un’epoca in cui la Formula 1 ha abbandonato molti dei circuiti storici per spostarsi dove riesce a strappare contratti più onerosi. Il prossimo Gp d’Italia è in programma l’8 settembre 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formula 1, Gp Baku: quarta doppietta Mercedes. Bottas vince e va in testa al Mondiale. Ferrari opaca: Vettel terzo

prev
Articolo Successivo

Sui cori razzisti negli stadi l’ipocrisia regna sovrana. Tre ragioni e una soluzione

next