L’Italia continuerà ad avere il suo gran premio di Formula 1 sullo storico circuito di Monza. È stata infatti raggiunta un’intesa di massima sugli aspetti economici del contratto di collaborazione tra l’Automobil club d’Italia e Liberty Media (proprietaria della Formula 1) che riguarda per il prossimo quinquennio. Le monoposto più veloci al mondo torneranno a Monza fino al 2024 e in questo modo il circuito riuscirà a festeggiare i suoi cento anni: la prima gara – anche se non ancora sotto l’egida della Formula 1 – si disputò nel 1921.

Il consiglio generale dell’Automobil club d’Italia ha dato inoltre mandato al presidente Angelo Sticchi Damiani di proseguire la negoziazione su tutti gli aspetti tecnici e commerciali relativi alla partnership, in modo da giungere alla firma del contratto in tempi brevi e rendere pienamente operativa la collaborazione. Non è la prima volta che la gara di Monza è a rischio ma alla fine una soluzione viene trovata, in un’epoca in cui la Formula 1 ha abbandonato molti dei circuiti storici per spostarsi dove riesce a strappare contratti più onerosi. Il prossimo Gp d’Italia è in programma l’8 settembre 2019.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, Gp Baku: quarta doppietta Mercedes. Bottas vince e va in testa al Mondiale. Ferrari opaca: Vettel terzo

next
Articolo Successivo

Sui cori razzisti negli stadi l’ipocrisia regna sovrana. Tre ragioni e una soluzione

next