Era conosciuto come “Dracula“, il principe dei ladri di Piacenza. Condannato a 10 anni di carcere per numerosi furti, adesso sconterà la sua pena in una parrocchia servendo alla mensa dei poveri. Dopo aver compiuto, insieme alla sua banda, decine di colpi in case e aziende per un bottino totale di circa un milione di euro, il 29enne albanese era stato arrestato dai carabinieri di Piacenza.

Quando erano in attività, i ladri operavano in modo insolito e per molto tempo erano riusciti a fuggire alla giustizia. Durante i furti utilizzavano solo autoveicoli intestati a prestanome ed evitavano l’uso di qualsivoglia dispositivo elettronico, utilizzando per comunicare esclusivamente walkie-talkie.

Condannato dal tribunale di Piacenza, in due diversi processi, “Dracula” ha ottenuto il provvedimento alternativo. La Corte di appello di Bologna ha accolto l’istanza del suo avvocato, Mauro Pontini, per sostituire il carcere con una misura che prevede l’impegno e la residenza in una parrocchia della Romagna. Il sacerdote ha dato la propria disponibilità. Da questo momento, Dracula aiuterà il prete a servire pasti agli indigenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Osservato un buco nero “esuberante” che oscilla come una trottola

next
Articolo Successivo

Serena Mollicone, “spariti alcuni organi e reperti prelevati nel corso della prima autopsia”

next