“Questa storia delle Province mi sembra assurda. Io altre 2500 poltrone in più dove i partiti possono piazzare i loro amici non le voglio”. Luigi Di Maio ribadisce ancora una volta la contrarietà sua e del Movimento 5 stelle alla proposta di ripristinare le Province contenuta nelle Linee guida per la riforma degli enti locali, discusse negli ultimi giorni dal tavolo tecnico-politico in conferenza Stato-Città. Il vicepremier aveva già smentito più volte pubblicamente di essere a favore del progetto e ora torna all’attacco con un lungo post su Facebook. “Nel progetto complessivo di governo non ha proprio senso aprire 2500 poltrone nuove, peraltro pagate con i soldi degli italiani. È una cosa che non permetteremo. Non mi va giù. Trovo inutile anche discuterne. Quelle 2500 poltrone in più con il MoVimento 5 Stelle non passano. No ad altri serbatoi clientelari, no ad altra burocrazia”, ha incalzato Di Maio, che però poi ha rassicurato sulla tenuta dell’alleanza con la Lega e Matteo Salvini, sostenitore del progetto: “Al governo siamo in due, le cose si fanno in due e sono sicuro che riusciremo a trovare un punto di incontro”.

Proprio questa mattina infatti, dalle pagine del quotidiano La Stampa, il vicepremier leghista si era schierato in difesa del loro ripristino: “Adesso le Province non sono né carne né pesce – ha spiegato Salvini -. Ci sono presidenti, dipendenti e amministratori, ma non ci sono soldi e poteri. Il risultato è che le strade e le scuole restano senza manutenzione. Le cose o si fanno bene o non si fanno. E io sono convinto che si debbano fare”. Immediata la replica del leader M5s: “Ci sono territori abbandonati? È vero, purtroppo, ma non si aiutano certo rimettendo in piedi un vecchio carrozzone e tirando fuori dal cilindro altri assessori, altri consiglieri, altri presidenti – gli ha risposto Di Maio -. Ma per favore, non prendiamoci in giro”.

Ma il botta e risposta non si ferma qui: “Se Luigi Di Maio mi spiega chi sistema le scuole e le strade andiamo d’amore e d’accordo. Poi i Cinque Stelle si mettano d’accordo con sé stessi, perché altri viceministri dei 5 Stelle stanno lavorando per dare forza alle province“, ha incalzato ancora Salvini al suo arrivo a Palazzolo Milanese, frazione di Paderno Dugnano (Milano), per un comizio a sostegno del candidato sindaco Gianluca Bogani. Quella sulle province “è un’ennesima situazione in cui i 5 Stelle devono decidere tra sì no e forse”, ha aggiunto Salvini.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lega, cambiacasacca e riciclati: i giochi di prestigio di Salvini per “padanizzare” la Sicilia e far dimenticare i vecchi insulti

next
Articolo Successivo

Governo, Conte: “Dialettica è bellezza della democrazia, ma preservare stabilità’ Palazzo Chigi: “Slitta l’incontro con Siri”

next