La bozza per far tornare le Province esiste ed è pure stata discussa da membri del governo al tavolo tecnico-politico della conferenza Stato-Città. Ma, dopo che il Sole24ore ne ha anticipato i contenuti, Luigi Di Maio ha pubblicamente smentito di essere a favore del progetto. Una presa di distanza che ha riaperto le tensioni con il Carroccio: “Basta cambiare idea su tutto”, hanno dichiarato fonti leghiste alle agenzie di stampa. Per il vicepremier M5s non c’è possibilità di mediazione: “Gli sprechi si tagliano, è sempre stato così per il M5s e con tutta la burocrazia che abbiamo le Province vanno abolite”, ha detto. “L’obiettivo è eliminare ciò che non è indispensabile e reperire risorse per abbassare subito le tasse a imprese e famiglie”. Diversa la posizione di Matteo Salvini, che già in passato aveva manifestato l’intenzione di reintrodurre l’organo provinciale: “La buffonata di Renzi della finta abolizione delle Province ha portato a disastri, soprattutto nella manutenzione di scuole e sulle strade; io voglio che scuole e strade siano in condizioni normali ed efficienti, se i Comuni non riescono servono le Province. L’importante è che i 5 stelle si mettano d’accordo, qualche viceministro dice sì, qualcuno dice no, come sui porti e sull’autonomia”. Quindi Di Maio ha replicato di nuovo: “Non riesumiamo un carrozzone per i servizi”. E allora Salvini: “Si mettano d’accordo tra di loro”.

La proposta di riforma per far tornare l’elezione diretta delle Province – La bozza della discordia è stata pubblicata dal Sole24ore. All’interno si legge che il governo è al lavoro per ripristinare le vecchie Province con un progetto che andrebbe a cambiare quanto modificato dalla riforma Delrio. Il documento è una prima versione delle “Linee guida per la riforma degli enti locali” alla quale i due soci all’esecutivo stanno lavorando nel corso del tavolo tecnico-politico in conferenza Stato-Città. Nella bozza è riportata la definizione di Provincia che “ha un presidente, eletto a suffragio universale dai cittadini dei Comuni che compongono il territorio provinciale, coadiuvato da una giunta da esso nominata’. A ‘coadiuvare’ il presidente c’è poi il ‘Consiglio, avente poteri di indirizzo e controllo, eletto a suffragio universale'”. Quindi, proprio “il ritorno alle vecchie Province, con elezione diretta di 2.500 tra presidenti e consiglieri, è il punto centrale della proposta, insieme all’abolizione di ‘ambiti ottimali (Ato) e degli altri enti e agenzie’ che nel tempo hanno intercettato funzioni e risorse crescenti”.

Lo scontro M5s-Lega: “Ogni poltronificio deve essere abolito”. “L’Italia ha bisogno di Sì e di condivisione”
Difficile per Luigi Di Maio non reagire a fronte di questa uscita: proprio i 5 stelle da sempre si battono per l’abolizione delle Province. “Per me si tagliano”, ha detto in mattinata. “Punto. Ogni poltronificio per noi deve essere abolito. Efficienza e snellimento, questi devono essere i fari. Questa è la linea del M5s. In merito a quanto riportato dal Sole 24 Ore, si tratta di una riforma del Testo unito Enti locali portata avanti dalla Lega sulla quale il M5s non è assolutamente d’accordo“. La Lega a quel punto ha però replicato, dicendo che invece quella era una linea già condivisa: “I 5 stelle non possono cambiare idea ogni giorno su tutto”, hanno fatto sapere fonti del partito alle agenzie. “Oggi tocca alle province, distrutte da Renzi con gravi danni per i cittadini e per la manutenzione di scuole e strade. Un viceministro 5S lavora per rafforzarle, un altro ministro 5stelle lavora per chiuderle. L’Italia ha bisogno di un sì e di serietà, non di confusione“.

Il sottosegretario all’Interno del Carroccio Stefano Candiani, interpellato dall’agenzia Adnkronos, ha detto che si andrà fino in fondo: “Non voglio entrare in una polemica viziata oggettivamente da pretesti elettorali”, ha detto. “La settimana scorsa il testo è stato letto e presentato in Conferenza Stato-città: c’è un lavoro in corso e, sempre nel rispetto delle istituzioni, dobbiamo andare avanti fino in fondo con questo lavoro. Se la preoccupazione di Di Maio sono i costi, stia tranquillo che stiamo elaborando proposte che si basano sul buonsenso e che daranno agli italiani quell’anello di congiunzione tra i Comuni e le Regioni, le Province appunto, senza il quale ci troviamo con strade scuole e servizi provinciali abbandonati a se stessi. Oggi abbiamo delle province che sostanzialmente son state ridotte ad uno stato larvale, con grave rischio anche di danni per la sicurezza dei cittadini. Penso, in particolare, agli edifici scolastici e alla manutenzione della rete viaria”. E infine, sull’elezione diretta: “Quanto poi al tema dell’elezione diretta da parte dei cittadini degli amministratori che devono governare le province, beh, insomma, la democrazia è riconoscere al popolo il diritto di scegliere i propri governanti e non deve essere un esercizio di retorica ma un diritto da garantire”.

Renzi: “Pur di andare contro alle scelte del nostro governo, fanno risorgere le vecchie province”
Il primo a commentare in mattinata era stato proprio l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ai tempi con la riforma Delrio fu protagonista di un forte scontro con i 5 stelle all’opposizione sui contenuti del provvedimento: “Pur di andare contro le scelte del nostro governo”, ha scritto oggi su Facebook il senatore Pd, “fanno risorgere le vecchie province. Dopo aver salvato il CNEL e il bicameralismo paritario, torna l’elezione diretta delle PROVINCE. Questo è il #GovernoDelCambiamento: diminuiscono i posti di lavoro, aumentano le poltrone”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, il video del professore che contesta Di Maio diventa virale. M5s: “Tagliato ad arte, ecco la sua risposta”

next
Articolo Successivo

Lega, cambiacasacca e riciclati: i giochi di prestigio di Salvini per “padanizzare” la Sicilia e far dimenticare i vecchi insulti

next